Nuove aziende

senza_trucco_viniLa mia piccola distribuzione di Vini Senza Trucco compie un anno in questi giorni. E’ un lavoro stupendo, anche se ogni tanto mi affaccio ancora in qualche enoteca in cui al solo sentire parlare di vini biologici e biodinamici vedo reazioni tipo gatto davanti alla vasca da bagno. Fortunatamente le nuove generazioni hanno approcci più possibilisti, anche quando non hanno diretta conoscenza delle etichette che propongo. Per non parlare dei locali che hanno da tempo in carta i vini naturali, che esultano ogni volta che prendo una nuova azienda in listino. Nel’ultimo periodo praticamente è una festa, anche perché ho deciso di non farmi spaventare dai rischi economici e aumentare le cantine, seguendo passione e istinto.

Iniziamo dal Piemonte. Già a maggio ho contattato due produttori che poi nei mesi sono diventati punti cardine del mio listino: Enrico Druetto e Tommaso Gallina (Asotom), che collaborano fra loro e danno declinazioni forti e personali dei vitigni della loro zona, Barbera su tutti. Da settembre è invece etrato a fare parte del gruppo Senza Trucco Simone Roveglia, dell’azienda Spaventapasseri (marchio Cento Filari), ottime Freisa e Barbera e incredibile Pinot Nero dal nome suggestivo, Brigante. Questa volta siamo a Mombaruzzo, nell’astigiano. A ottobre mi hanno contattata Lidia e Paolo della cantina Rocco di Carpeneto, che abitavano e lavoravano a Milano e hanno lasciato tutto per comprare una cascina in una zona che non conoscevano, Ovada. Il loro punto di riferimento è il Dolcetto di Pino Ratto, che ci ha lasciato un paio di settimane fa e di cui ricorderò sempre l’arte che impregnava qualsiasi cosa facesse. Dolcetto favoloso, come dovrebbe sempre essere in quelle zone, e poi Barbera e Cortese buonissimi. Infine, ultimo ingresso, Andrea Tirelli, sui colli tortonesi. Per intenderci, quello che ha sulle etichette il Triskell celtico. Torinese di origine, tornato nelle vigne dei nonni per non abbandonare un pezzo di cuore: da anni in biodinamica, fa poche bottiglie di Timorasso, Cortese, Barbera, Freisa e Dolcetto.

Cambiamo regione. Non pensavo che avrei mai preso un Franciacorta, ma Tommaso Gallina mi ha fatta contattare da Ca’ del Vent. Assaggiare le loro bollicine è stata una rivelazione: niente di più lontano dai vini costruiti a tavolino dagli industriali della provincia bresciana. Anima e sensibilità nel capire le vigne e interpretare le vinificazioni. Un festa.

Anche in Veneto ho un nuovo nome: Franco Masiero (del gruppo Co.Vi.Bio.), un piccolissimo produttore di Merlot e a breve anche di Pinot Nero. Siamo a 500 metri sul mare, in zona vulcanica. Un vino che mi ha fatta riappacificare con un vitigno che non ho mai amato.

In Liguria da qualche mese c’è un nuovo nome, molto amato dai frequentatori dell fiere: Santa Caterina di Andrea Kihlgren. Su tutti il Vermentino, stratosferico. Unico neo: le bottiglie finiscono troppo presto!

Ci ho messo un po’, ma alla fine ce l’ho fatta ad aggiungere una delle zone più blasonate del nostro paese. Era un po’ che facevo gli occhi dolci a Francesca Padovani di Campi di Fonterenza: in genere il Brunello non è uno dei miei vini preferiti, ma la sua versione, rigorosa e tradizionale corrisponde perfettamente a quello che amo nel vino. Buonissimi anche il Rosso e il Rosato.

Il sud. Prima dell’estate ho iniziato a lavorare con Cantina Morone, nella zona di Benevento. Anche in questo caso l’innamoramento per un vino che avevo sempre trovato anonimo: la Falanghina, la loro punta di diamante. Favolosi anche il Fiano e un piccolo vitigno a bacca scura ultimamente riscoperto, il Pidirosso.

Passiamo poi in Calabria, perché finalmente nel listino Senza Trucco c’è A’ Vita, di Francesco de Franco. Un Cirò come si deve, elegante e potente allo stesso tempo, strappo ai vini di una regione che non ha mai compreso appieno il proprio potenziale.

Infine salto in Francia, con i produttori di due Champagne del gruppo Co.Vi. Bio. : Jacques Lassaigne (Blanc de Blanc) e Olivier Horiot (Pinot Nero).

Piccolo ripasso sulle altre aziende:

Piemonte

- Caroussin

- Cantine del Castello Conti

- Coutandin

- Baldo Rivella

- Remo Hohler

Lombardia – Oltrepò Pavese

- Piccolo Bacco del Quaroni

Veneto

- Ca’ dei Zago

Friuli Venezia Giulia

- Zidarich

- Franco Terpin

Liguria

- Le Rocche del Gatto

Emilia Romagna

- Vigneto San Vito

- Quarticello

- Vittorio Graziano

Toscana

- Podere Le Boncie

Marche

- La Distesa

- La Marca di San Michele

Abruzzo

- De Fermo

Campania

- Cantina Giardino

Sicilia

- Nino Barraco

- Valcerasa Bonaccorsi

- Punta dell’Ufala

Francia

- Mark Kreidenweiss – Alsazia

- Emmanuel Giboulot – Borgogna

- Chateau de la Selve – Ardèche

Sto costruendo proprio in questi giorni il sito di Senza Trucco: spero che finalmente sarà più facile trovare informazioni sul nostro lavoro!


Vignaioli di Langa e Piemonte

Banner_VIgnaioli_di_Langa_2Se durante il prossimo weekend vi capitasse di trovarvi a Roma, ricordatevi che c’è un appuntamento che gli appassionati di vino “come si deve” non possono perdersi. Infatti Tiziana Gallo presenta la quarta edizione di una manifestazione che ha avuto grandissimo successo gli anni scorsi: Vignaioli di Langa e Piemonte. Vediamo se riesco a fare tutti i nomi dei produttori presenti, senza dimenticare nessuno: Adriano, Alario, Antoniolo, Barale, Baudana, La Biòca, Borgogno, Boveri, Ca’ ed Balòs, Bovio, Brezza, Carussin, Cassina, Il Chiosso, Cantine del Castello Conti, Fornace, Cavallotto, Cortese, Cieck, La Colombera, Fenocchio, Gonella, La Raia, Lo Spaventapasseri, Molinetto, Mossio, Oltretorrente, Podere ai Valloni, Ressia, Rinaldi, Tenute Sella, Rivella, Roccheviberti, Rocco di Carpeneto, Trediberri, Vajra, Castello di Verduno. Una serie di cantine che non possono che fare venire l’acquolina in bocca a chi ama i vini piemontesi. Produttori che provengono non soltanto dalle Langhe, ma da tutto il Piemonte vitivinicolo si ritrovano sabato 15 novembre (12.30 – 19.30) e domenica 16 novembre (12 – 20) all’hotel The Westin Excelsior Rome, in via Veneto 125. E’ l’unica occasione romana  in cui è possibile assaggiare così tante etichette piemontesi tutte assieme, accompagnate dai prodotti gastronomici di D.o.l. (di origine laziale). Conosciamo bene come lavora Tiziana Gallo e la qualità altissima di tutti i suoi eventi: motivo in più per non perdersi un incontro così unico!


Una giornata con Nino Barraco

Approfittando della chiocciola Slow Wine e della sua trasferta a Torino, ieri ho rapito Nino Barraco per l’intera giornata e l’ho sfoggiato in giro per la città, un po’ come si fa quando si ha una bella fidanzata. Prima sosta, pranzo Al Gatto Nero, da Andrea Vannelli, che conosce Nino da anni. Non potrei citare tutte le portate di cui io e Nino eravamo sempre più entusiasti, dai peperoni con le acciughe alla trippa alla fiorentina a un’incredibile torta con farina di castagne, che temo non riuscirò più a dimenticare. Però posso soffermarmi su una bottiglia in particolare delle quattro che Andrea ci ha portato, questIMG_2041a volta direttamente da quello che lui chiama il suo “museo”. Un Gigondas di Pierre Amadieu, Cotes du Rhone, del 1969, Grenache in purezza. Nino, che è mio coetaneo, mi ha ricordato che sempre meno spesso ci capiterà di bere vini più vecchi di noi… Naso ovviamente chiuso all’inizio, con una predominanza di note di botti in cantina. Poi l’ossigeno ha aperto la strada più che a sentori particolari, a una serie di richiami emotivi, come se a questo vino, dopo tanti anni in silenzio, andasse di parlare direttamente all’anima, più che ai sensi. In bocca una freschezza impressionante, a cui non avremmo dato più di una decina d’anni. Corpo leggiadro, toni trasparenti e una lunghezza davvero notevole. Senza dimenticare un’intensità espressiva che rimandava alle note originarie del vitigno, dirette e senza orpelli. Un bel regalo di Andrea Vannelli, che abbiamo salutato dopo tre ore di quello che Nino ha definito “piacere puro”.

Una breve pausa prima di passare a fare un saluto a Marco del De Gustibus, che ci ha fatto assaggiare un metodo classico che né io né Nino conoscevamo, il Brut di Sebastian Stocker, un produttore altoatesino che realizza i suoi spumanti a partire da uve Chardonnay, Pinot Bianco e Sauvignon. Intenso, complesso e pieno in bocca, come se non volesse lasciare nemmeno un angolino ignaro della sua esistenza. Accattivante e persistente, dal perlage sinuoso, profumato di erbe d’alta montagna e pane appena sfornato. Una merenda come se ne dovrebbero fare sempre.IMG_2052

IMG_2046Chiusura in bellezza con la serata dedicata proprio a Nino Barraco dall’Enoteca Bordò: una festa da fine Salone in piena regola. Street Food siciliano, come solo Francesca Bordonaro sa fare qui a Torino, con l’arancina di sarde, il “Pesce d’uovo”, la tartina con caponatina, il cous cous alla trapanese e un favoloso cannolo. In abbinamento i vini di Nino (peccato per il dolce… la Milocca – da uve surmature di Nero d’Avola – deve essere IMG_2048ancora imbottigliata): Rosammare, Catarratto e Zibibbo. Il IMG_2047Rosammare 2013 è praticamente finito, però Nino assicura che il 2014 sarà ancora meglio. Si sente il profumo del mare, dell’estate, con il Nero d’Avola che, spogliato della sua IMG_2058scorza più esterna, mostra l’intima essenza. Il Catarratto, territoriale, direi campanilistico, con le sue note dorate di Sicilia assolata e il suo corpo arrembante, strutturato, da vino rosso. Infine lo Zibibbo, ammaliante al naso e secco in bocca, come una donna che promette e lascia sperare, per poi rimandarti al prossimo appuntamento, come al prossimo sorso.


Vino al vino: il primo viaggio – La Sicilia

SIamo nell’autunno del 1968 e Mario Soldati parte per il primo dei tre viaggi raccontati in Vino al Vino. Inizia dalla Sicilia e attraversa le province di Catania, Siracusa e Palermo. Gli spostamenti, le visite nei vigneti e nelle cantine e gli incontri organizzati o casuali diventano il movente per esprimere sentimenti ferrei legati al vino, riportabili però a ideologie più ampie e ariose, che conivolgono ogni aspetto della vita. Non dimentichiamoci l’anno di questo viaggio.

Il vino non è una entità omogenea né omogenizzabile. Il vino è qualcosa, sempre, di vivo, di locale, di individuale… Il vino in sè non può e non potrà mai essere un prodotto industriale. “Vino industriale” è una contraddizione in termini. Il vino è un prodotto, sempre e soltanto, artigianale… Industriale, tuttavia, potrebbe essere lo smercio dei vino. L’optimum, per i consumatori di vino, oggi sarebbe dunque un’organizzazione a carattere (questa sì!) industriale, che scopra vini genuini, autentici, di quantità forzatamente molto limitata, e provveda ad assicurarsela, e la ridistribuisca ai consumatori garantendo loro assoluta autenticità, genuinità e perfetta conservazione.

Inutile sottolineare come il mio progetto Vini Senza Trucco si riconosca alla perfezione in queste parole, speriamo anche la realizzazione! Ma andiamo avanti. Nelle righe di Soldati non ci sono soltanto discorsi generali sul vino, ma ovvimente l’autore si addentra nello specifico, analizzando le produzioni delle singole zone e addirittura delle singole cantine, dichiarando apertamente le proprie predilezioni. A proposito dei vini dell’Etna, per esempio, dichiara:

Presto ci accorgiamo che i bianchi sono, nettamente, superiori ai rossi. C’è forse un motivo? Ecco qua. Caratteristica di qualunque vino siciliano è uno speciale sapore violento, acre, catramoso, che qualche volta è sgradevole: che a qualche palato (diciamolo francamente, perché no?) è sempre sgradevole, ma che non è necessariamente sgradevole e non è mai sgradevole quando il vino sia prodotto genuinamente, senza additivi, senza eccessive dosi di solfitanti, e quando sia, eventualmente, chiarificato mediante refrigerazione, ma a stretta regola d’arte, con un calcolo esatto, e fortunato, dei tempi e delle temperature. Si gusta allora un vino che non assomiglia a nessun altro… Il carattere del vino siciliano sembra coincidere con la presenza indistruttibile delle qualità caloriche, carboniche, vulcaniche della terra dove crescono le viti: sembra coincidere con una traccia misteriosa di quello stesso fuoco, che ci è apparso dai finestrini dell’aereo nel luminoso serpente eruttato dall’Etna e che certamente deve essere sparso un po’ dappertutto, a non troppa distanza dalla superificie, sotto la terra e sotto le rocce della grande isola. Salvo qualche eccezione, questo “ricordo del serpente di fuoco”, questo gusto del vino di Siclia, è più accettabile nei bianchi che non nei rossi. I rossi di Sicilia, e tanto più i rossi dell’Etna, sono meno accettabili dei loro corrispondenti bianchi appunto perché quel gusto di fuoco sembra che ci sia “passato troppo dentro”: i bianchi invece lo hanno filtrato, lo hanno ridotto a un’ombra, a un sospetto, a una leggerissima vena acre che non può non piacere.

A prescindere dalla condivisione di questo gusto, come si potrebbe descrivere in modo più emotivo e poetico il vino siciliano? Leggendo ho risentito in bocca le striature laviche dei vini di Valcerasa, Graci, Biondi…

Proprio nel resoconto del viaggio in Sicilia Soldati coglie poi l’occasione per parlare dei vini da taglio:

Alla base di tutta la produzione enologica italiana, esiste una disgraziata legge della fine dell’Ottocento, che proibisce, sotto pene severissime, di vinificare mediante l’aggiunta di qualsiasi quantità di zucchero, e che, contemporaneamente, impone che il vino tocchi almeno i dieci gradi di alcol… Molti vini della Val Padana, delle Prealpi, dell’Appennino Ligure, sono squisiti senza che raggiungano i deici gradi… Tanto a lungo e con tanta severità fu applicata la legge, che ancora oggi, in tutta Italia, è diffusa la falsa credenza che l’aggiunta di zucchero durante la vinificazione sia nociva alla salute, mentre l’aggiunta di zucchero è assolutamente innocua, e la legislazione francese, così meticolosa in questo campo, la permette. Lo scopo della nostra legge era ben altro: era, molto semplicemente, ma non altrettanto esplicitamente, quello di aiutare i baroni viticoltori dell’Italia Meridionale, e in particolar modo delle Puglie e di Sicilia, a vendere i loro mosti… Nacque il famoso “taglio”, che tanta parte ha nella decadenza dei nostri vini e, soprattutto, delle nostre capacità di gustare il vino.

Non avevo mai pensato a questa datata legge in simili termini, però il ragionamento non fa una grinza e, considerando il grado di rigore morale e la preparazione di Soldati, mi è più facile credere alle sue parole che confutarle, anche se mi piacerebbe parlarne con qualcuno più esperto di me.

Qui finiamo il viaggio in Sicilia, anche se ci sarebbe ancora molto da dire, e diamo appuntamento alla prossima tappa di Soldati, quella in Campania.


QUANDO NON SI USANO DISSECCANTI

Filare di viti zappato a mano

Filare di viti zappato a mano

Ecco un altro articolo di Enrico Druetto, il nostro amico farmacista, che mi stupisce sempre di più con i suoi pensieri e i suoi vini: ho appena assaggiato “Parej”, l’ultimo nato in cantina, un blend di Barbera e Freisa, fresco e potente, romantico e anarchico: come è possibile definire così un vino? Avrò modo di raccontarvi in un altro momento la degustazione…

Esistono molti lavori in vigna che risultano lunghi ed estenuanti. Tra questi i più odiosi sono la spollonatura (ovvero l’eliminazione deI ricacci della vite alla base e sul tronco) e la zappatura dell’erba intorno alle piccole viti. Spesso quest’ultima fatica viene aggirata ricorrendo all’utilizzo di grandi quantità di disseccanti o diserbanti, anche in zone che fanno del turismo enologico la propria bandiera.

Per rendersi conto del problema è sufficiente fare un giro in primavera fra le vigne delle Langhe, del Chianti ma anche dell’Alsazia, dello Champagne, ecc.: non potrete far a meno di notare delle orrende strisce rosso-brune ai piedi dei filari, inequivocabile effetto dei disseccanti!

Vite appena rifinita

Vite appena rifinita

Per fortuna non lavorano tutti nello stesso modo. La fatica da mettere in conto per non ricorrere a quei mezzi può essere però TANTA. Per fare un esempio, quest’anno ho dovuto zappettare le circa 6000 viti del nuovo ettaro di vigna: premettendo che l’annata 2014 si sta rivelando più problematica del normale a causa delle piogge frequenti (tanta acqua, altrettanta erba), sono già al terzo giro di zappatura manuale; se si considera che per pulire una singola vite sono necessarie 20- 30 zappettate significa che sono state effettuate dalle 120 alle 180.000 ( CENTO-OTTANTA-MILA!!! ) zappate per giro, divise fra quattro persone.

Per fortuna quando le viti saranno al 3°-4° anno, si potrà ricorrere a mezzi meccanici che mi aiuteranno a ridurre il tempo necessario per questo lavoro da 400-500 a 70-80 ore a ettaro.

Quando si riesce ad arrivare alla fine di lavori come questo, si ha una sensazione di grande appagamento, quasi si fosse riusciti a realizzare una straordinaria impresa. Tutte le volte obbligo mio padre, mia madre o chi capita, a venire a vedere quanto è stato fatto… e devo dire che mi guardano sempre con commiserazione, come a dire “Povero cretino, ma chi te l’ha fatto fare?!”.

Poco tempo fa, al ritorno dalla vigna, è mi è capitato di avere un cliente giunto inaspettatamente in cantina; al momento del pagamento mi chiede uno sconto: al posto che al terreno la zappata l’avrei data a lui (la 180’001)!

Piccola vite spontanea nata da seme

Piccola vite spontanea nata da seme


Vino al Vino di Mario Soldati – capitolo primo

soldatiVino al Vino è un libro fondamentale nel cambiamento di prospettiva legata al vino. Quando il vino inizia a farsi industria, allora comunicano a emergere voci fuori dal coro, timbri autorevoli, che, in una società abbacinata dai fulgori del boom economico e dei consumi facili, cercano di ancorarsi alle tradizioni per salvare quanto di genuino l’Italia ha saputo produrre per centinaia d’anni. Prima Mario Soldati poi, come vedremo, Luigi Veronelli, con atteggiamenti diversi, ma sulla stessa lunghezza d’onda. L’approccio di Soldati è quello del narratore, che considera con sguardo disincantato la realtà circostante e punge i contemporanei su punti focali. Si definisce un amatore del vino, non un esperto. Eppure Vino al Vino è un testo fondamentale per chiunque si avvicini al nettare di Bacco. È composto dal resoconto di tre viaggi intrapresi in Italia a distanza di qualche anno l’uno dall’altro. Il primo nell’autunno del 1968, con un itinerario a partire dalla Sicilia per toccare di seguito Campania, Toscana, Lombardia, Trentino, Veneto, Nord del Piemonte e Valle d’Aosta. Il secondo viaggio risale invece all’autunno del 1970 e attraversa Alto Adige, Veneto, Friuli, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo e Puglia. Infine, l’ultimo viaggio, Soldati lo fa nell’autunno del 1975 e visita Sardegna, Calabria, Abruzzo, Molise, Lazio, Umbria, Liguria e Piemonte meridionale. Insomma, non lascia fuori una singola regione e batte palmo palmo la maggior parte delle province italiane, in un momento storico in cui si inizia a parlare stabilmente di manipolazione del vino per renderlo più omologato e vendibile. La posizione di Soldati è fuori di dubbio, tanto più che le poche righe che introducono il primo viaggio riportano: “Parto per un viaggio alla ricerca di vini genuini”. In realtà il progetto di Vino al Vino era già in potenza nella mente di Soldati diversi anni prima, addirittura nel 1955, quando nel racconto Il vino di Carema sosteneva:

Se volete trovarvi bene in Italia – spiego ad amici stranieri – dovete scoprirla per conto vostro, affidandovi alla vostra fortuna e al vostro istinto, perché una grande legge in Italia è proprio questa: che, da noi, tutto ciò che ha un titolo, un nome, una pubblicità, vale in ogni caso molto meno di tutto ciò che è ignoto, nascosto, individuale. Le bottiglie di vino con etichetta sono quesi sempre cattive; le bottiglie senza etichetta e il vino sciolto quasi sempre buoni. Lo so che in Inghilterra alcuni ottimi whisky sono proprio quelli delle marche più note. E così in Francia certi Bordeaux e Bourgogne. Ma, in Francia e in Inghilterra, da secoli e non soltanto per vini e liquori, esiste un ponte tra società ed individuo, una civiltà organizzata, una gerarchia del costume. La nostra civiltà non è inferiore, ma diversa. È una civiltà anarchica, scontrosa e ribelle. Da noi, l’uomo di valore, come il vino prelibato, schiva ogni pubblicità: vuole essere scoperto e conosciuto in solitudine, o nella religiosa compagnia di pochi amici.

La posizione forte di difesa della genuinità dei vini Soldati la sostiene anche nell’introduzione a Vino al Vino – che si intitola significativamente Il momento del vino –  quando afferma:

Interminabili sono i ragionamenti che si possono fare e che si fanno, oggi, a proposito del vino in tutti i paesi dove il vino è di casa. Ecco alcuni temi principali di tali ragionamenti: la decadenza del vino per colpa della civiltà dei consumi; la sensazione che il vino si opponga costituzionalmente, e che sempre più debba opporsi, al consumismo, all’industrializzazione, alla pianificazione ecc.; la moda secondo cui sarebbe necessario difendere il vino vero: ancora una contestazione, insomma, da aggiungere a tutte le altre. Gli amatori di vino inesperti accusano i tecnici, gli enologi, di non partecipare, o di non partecipare abbastanza, a quest’opera di difesa, e di contribuire alla decadenza del vino: in alcuni casi senza resistere, e in altri casi addirittura prestandosi attivamente, alle pratiche di filtraggio, chiarificazione, refrigerazione, stabilizzazione, e a tutti i vari accorgimenti chimici o meccanici, che in definitiva, mirano a industrializzare il vino, con crescente ed evidente profitto economico, almeno iniziale, per i produttori, a cui essi enologi sono associati o da cui dipendono. Dirò subito che mi considero anch’io, del vino, un amatore inesperto. È vero, i “viaggi d’assaggio” che racconto nelle pagine seguenti, mi hanno istruito un pochino: ma il loro risultato più apprezzabile è stato di misurare, dopo anni di esperienze enologiche, quanto sia vasta ancora la mia ignoranza e l’arte del vino quanto difficile.

Sembra di leggere, con quarant’anni di anticipo, i recenti manifesti legati alla produzione di vino naturale. È un discorso d’avanguardia, fortemente politico. Nella salvaguardia della genuinità del vino è compresa la volontà di mantenere saldi i principi tradizionali di un territorio e di contrastare le innovazioni consumistiche che invadevano (e hanno continuato esasperatamente a invadere) il nostro paese. Così continua infatti Soldati nell’introduzione:

Enorme equivoco: si pensa, scioccamente, al vino nominato e desiderato come a una entità omogenea, intercambiabile, fissa: come se si trattasse di una data marca di aranciata, di birra, di wisky, o addirittura di un’automobile o di un frigorifero. Mentre il vino (il vino di una data qualità, zona di produzione circoscritta, annata, partita, botte e, in certi casi, bottiglia) può paragonarsi soltanto a un essere umano e vivente, immisurabile, inanalizzabile se non entro certi limiti, variabile per un’infinità di motivi, effimero, ineffabile, misterioso. Esigere un vino “stabile” è la più grande sciocchezza che un bevitore di vino possa commettere.

Un nuovo punto di vista, nel senso che fino a questo momento non si era mai pensato, perché non si era ancora presentata l’occasione dialettica, di difendere un certo tipo di vino rispetto a un altro. Fino alla seconda guerra mondiale il contadino beveva il suo bicchiere quotidiano di vino, che produceva da solo o che comprava al massimo dal vicino. Nel momento stesso in cui il vino ha smesso di essere esclusivamente alimento per trasformarsi in bisogno di lusso e assumere una valenza edonistica, è nata l’esigenza di parlarne in modo schierato. Soldati non è mai eccessivamente polemico: il suo è un ruolo di narratore, non di capopopolo. Eppure, a distanza di quasi mezzo secolo, i suoi scritti sul vino risuonano e sferzano ancora potenti, pieni di concetti pregnanti, a sostegno di un’ideologia inattaccabile, sobri (a dispetto dell’argomento) e spesso nostalgici:

Non possiamo che compiacerci del benessere e degli enormi progressi che la rivoluzione industriale ha portato all’Italia nell’ultimo ventennio. Ma, questo progresso, lo abbiamo pagato, lo paghiamo e lo pagheremo con una quantità di inevitabili guai minori, tra cui uno dei maggiori consiste appunto nella decadenza del vino.

Era solo un breve sguardo all’introduzione di Vino al Vino. E quanta forza. Immaginate cosa può emergere dalle pagine che raccontano i tre viaggi di Soldati. Ve ne parlerò un po’ per volta…


LE BARRIERE VERDI A PROTEZIONE DEI VIGNETI BIOLOGICI

Eccoci al nostro consueto appuntamento settimanale con gli articoli di Enrico Druetto. Mi rendo sempre più conto che la sua visione, che potrebbe sembrare romantica e bucolica, non è che il portato di una conoscenza antica, dei tempi in cui nella natura si cercava una collaboratrice e non un nemico da annientare.

Spesso i vigneti biologici si trovano vicino a vigneti, campi, frutteti che biologici non sono. E’ lecito chiedersi come si possa riuscire a garantire la salubrità del raccolto in queste condizioni.

Barriera di "avena altissima", cresciuta spontaneamente, e meli selvatici

Barriera di “avena altissima”, cresciuta spontaneamente, e meli selvatici

Di nuovo la natura ci mette a disposizione potenti mezzi per realizzare i nostri intenti. Per esempio i bellissimi iris (iris germanica) riescono ad accumulare nel loro rizoma grandi quantità di sostanze inquinanti sottraendole al terreno circostante; le comunissime canne (arundo donax), oltre a fornire alle viti tutori completamente biodegradabili e rinnovabili, si comportano da barriera frangivento bloccando con le loro foglie polveri asperse nell’aria; e ancora graminacee come l’avena, che cresce spontanea nei campi non diserbati (avena altissima), possono creare coi loro steli lunghi e sottili dei veri e propri “filtri” per l’aria che proviene dalle vicine coltivazioni.

Oltre a favorire e gestire l’insediamento di queste specie spontanee, io ho impiantato le nuove vigne a debita distanza dai confini dei miei terreni. Apparentemente potrebbe sembrare uno spreco di superficie coltivabile (oltre il 10% della coltivazione stessa), in realtà questo approccio alla gestione del suolo non sta dando risultati solo per quanto riguarda la pulizia del terreno ma inaspettatamente anche come rifugio per l’avifauna locale. Probabilmente l’agricoltura di tipo intensivo ha lasciato pochi spazi per la nidificazione degli uccelli o per le tane di topolini campestri, lepri, ecc.

Bulbi di Iris Germanica raccolti in prati stabili. In pochi anni creeranno delle vere e proprie bordure ai confini del vigneto, che serviranno per filtrare l'acqua proveniente dalla parte più alta della collina.

Bulbi di Iris Germanica raccolti in prati stabili. In pochi anni creeranno delle vere e proprie bordure ai confini del vigneto, che serviranno per filtrare l’acqua proveniente dalla parte più alta della collina.

Spesso durante i lavori estivi mi è capitato di vedere leprotti uscire dalle barriere di avena spontanea e avventurarsi all’interno della vigna a brucare un po’ di erba medica, oppure quaglie nascondersi sotto i ciuffi più alti per sfuggire allo sguardo dei corvi. Con tutta questa vita intorno, mi sono ricordato di quando vendemmiavo coi nonni, tanti anni fa, e in mezzo alle viti si trovavano i nidi dei passerotti…


ELIANA NEGRONI

Double passion: jewels and wine | talking about unconventional jewellery and wine experiences

Decrescita Felice Social Network

Il documentario sulle donne del vino naturale

GustoVino

Il documentario sulle donne del vino naturale

armadillo bar | wine - food and music

Il documentario sulle donne del vino naturale

Intravino

Il documentario sulle donne del vino naturale

WordPress.com News

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Carta Igienica

Riflessioni da bagno nell'Italia che scoppia

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 64 follower