Archivi tag: Tarek Ben Abdallah

Quella visione positiva della vita…

Foto di Elisa Giannini

Una bella sorpresa stamattina. Anzi, bellissima: una pagina intera dedicata a Senza Trucco a firma di un grande giornalista del Corriere della Sera, Luciano Ferraro. Nel giro di un paio d’ore siamo stati contattati da tantissime persone che hanno voglia di vedere il nostro documentario e di farsi contagiare dall’ottimismo di cui il nostro progetto è impregnato.

“Buongiorno dopo aver letto l’articolo sul corriere della sera di oggi e visto il vostro blog vorrei acquistare il film per farlo vedere alla mia fidanzata che vorrebbe aprire una pasticceria ma non ha sufficiente fiducia in se stessa. Spero che vedere questo film la aiuti”.

“Care vere donne,  vorrei acquistare il dvd del film “Senza trucco”  .  Il vostro lavoro è prezioso, siete delle Dee Madri, almeno una parte del bel territorio italiano è in buone mani.   Potrebbe far parte dell’educazione infantile… dirò a qualche insegnante di procurarsi il film e inserirlo nella programmazione scolastica…  può essere un’idea ?”.

Questo è lo stile delle mail. Immaginatevi la nostra soddisfazione nel leggere che Senza Trucco sta diventando un punto di riferimento per chi non ha voglia di crogiolarsi nel pantano emotivo di questo periodo. Tutti parlano di crisi, di mancanza di possibilità per chi abbia voglia di crearsi uno spazio proprio in Italia. E noi, che invece crediamo in una visione positiva della vita, abbiamo deciso di raccontare una bella storia e di non soffermarci su drammi sociali o economici. Noi stessi siamo la prova che, quando si crede fermamente in un progetto, si riesce a diventare contagiosi e a creare un passaparola fatto di fortuna, sostegno psicologico e supporti pratici. Non a caso uno dei titoletti dell’articolo riporta: “Diventa un caso il film finanziato dai fan”. Se non fosse per voi e per la fiducia e l’entusiasmo con cui ci avete sommersi, stamattina non ci sentiremmo così felici e consapevoli di avere fatto qualcosa di buono. Per l’ennesima volta, grazie!

Se avete voglia di leggere l’articolo, si trova a pagina 31 del Corriere, oppure in versione on line del quotidiano, sul blog DiVini di Luciano Ferraro.


Natale a 5000

Prima pagina Bioecogeo

No, non stiamo andando in alta montagna. 5000 è il numero appena raggiunto di visualizzazioni del trailer di Senza Trucco. Pensavamo a uno slancio iniziale dovuto alla novità e poi ci aspettavamo una graduale diminuzione. E invece ogni giorno c’è sempre qualcuno in più che si collega alla nostra pagina youtube. La cosa divertente è che ogni tanto si concentrano visualizzazioni da paesi inimmaginabili: qualche tempo fa, per esempio, ci sono stati 50 contatti dal Giappone in un giorno solo, poi il Sud America e persino dalla Libia qualcuno ha visto il trailer. Le vendite continuano e, per quanto siamo ancora piuttosto distanti dal raggiungimento del pareggio, se va avanti così prima o poi rappresenteremo un esempio raro di produzione indipendente che non chiude in perdita… Certo, stiamo ancora aspettando di avere la fatidica risposta per una pubblicazione home video, ma sono convinta che in un lontano futuro riuscirete a trovare il dvd anche in qualche piccola libreria. Intanto stiamo cercando di organizzare una prima a Roma per l’inizio di febbraio. Insomma, le cose vanno piuttosto benino e volevamo farvi sapere che chiudiamo felici e soddisfatti l’anno!

Incollo qui di seguito alcuni dei commenti al film che ci sono arrivati in questi mesi e che ci hanno permesso di non perdere mai la fiducia, anche quando gli scogli da sormontare sembravano davvero alti:

“Ieri sera mi sono concessa una serata solo per me e mi sono guardata il tuo video. Mi ha toccato il cuore! Sono quattro grandi donne, con una carica umana esemplare, purtroppo cosi’ rara, pur nella loro diversita’. E tu sei stata molto brava a renderla. Deve essere stata un’esperienza, prima che lavorativa, di vita. Monica”

“Ho appena finito di vedere il vostro DVD. Coinvolgente come un film d’azione, emozionante e commovente. Fa davvero vibrare a chi ama davvero il vino. Queste cose fanno bene al vino. Gianfranco”

“Più lo guardo e più mi emoziona. Siete stati grandi davvero. Fabio”

“Vorrei  dirvi che è bellissimo e così ricco e denso di vita e bellezza da suscitare  pensieri, riflessioni, moti di sorpresa e di gioia che sembrano moltiplicarsi ad ogni nuova visione – perchè si guarda e si riguarda-. Le scelte di sceneggiatura e lo stile asciutto ed elegante del porgere la materia del racconto  mi sono molto piaciuti, insieme, al tratto discreto con cui ti sei avvicinata alle protagoniste. Tante altre cose vorrei dirti,  per ora ti ringrazio per questo bellissimo regalo. Anna”

Con questi interventi non vogliamo sembrarvi autocelebrativi, ma il nostro è  un modo per ringraziarvi del sostegno che non ci è mai mancato da quando, il 6 dicembre 2010, il blog è stato aperto. Buon Natale a tutti, soprattutto alle nostre quattro amiche, Dora, Nicoletta, Elisabetta e Arianna, che hanno trovato il modo di cambiarci la vita.


Bochaert e Sua Altitudine

Stamattina stavo per mettere mano a un pezzo su un produttore di un’isola sarda, quando ho aperto facebook e ho scoperto che Nicoletta Bocca in nottata ha postato le sue impressioni sulla vendemmia. Con tutta la buona volontà, chi non fa il vino non sarà mai in grado di parlarne in termini simili e così ho deciso di lasciare la parola a lei e di pubblicare le sue parole.

“Ad un certo punto della vendemmia arrivano serate come questa in cui, quando tutto il lavoro è finito, i rimontaggi fatti, mastelli, secchi e pompe sciacquate, decidi di rimanere lì, di fermarti in cantina per goderti la soddisfazione dell’annata che ti sei portato a casa. Gli altri se ne vanno e dopo un po’ quello che credevi fosse silenzio si riempie di un brusio profondo e sacrale. E’ la fermentazione. Ogni vasca dice la sua e non serve più nemmeno metterci l’orecchio contro. E come un grande e stupefacente suono che si espande ovunque, spingendo sulla volta della cantina. E’ la forza della vita che trasforma, che ti sembra di non poter percepire preso nelle tue inutili cose e che invece procede inarrestabile. E’ un momento che dura pochi giorni, quello della pienezza di questo suono, in cui capisci che, che tu ci sia o non ci sia, tutto continua e continuerà per sempre. Ma invece di darti tristezza o senso di vuoto, questa cosa ti rassicura, perchè capisci che in questo giro della vita eterna devi esserci dentro per forza anche tu in qualche modo. Allora torni a casa, perché il pensiero dell’eternità ti ha fatto venire appetito, ti cucini cinese come puoi con i pesci eccelsi del siciliano, e ti apri una bottiglia di Heimbourg di Zind Humbrecht del 1998. In fondo te lo meriti: tu, il concerto per lieviti zuccheri e carbonica, l’annata in cantina, le persone a cui stai pensando e a cui stai perdonando tutto, e che stanno, sfuocate, anche loro in questa beatitudine”.

E siccome ormai il timbro di questo post è intimista, vi regalo una chicca, una delle parti più belle del girato a San Fereolo: Nicoletta che ci racconta la sua doppia natura, di Capitano Bochaert e Sua Altitudine.


Dora e il Colorino

Dopo tanto tempo mi è tornata voglia di riguardare qualche immagine del girato, di quelle che non sono state montate nel documentario finito. Ho iniziato dalla vendemmia e mi sono imbattuta in un momento in cui Dora, malgrado le corse contro la pioggia che tempestava in quei giorni il vigneto, ha trovato il tempo per fermarsi a chiacchierare un po’ con noi e parlarci della piccolissima percentuale di Colorino presente nel suo Nobile. Come sempre quello che emerge è una volontà instancabile di conservare tutto quello che arriva dal passato e dalla tradizione: anche se il Colorino incide in minima parte sul vino, tuttavia i due filari che lo contengono hanno 80 anni di storia e vanno preservati, perchè fanno parte di un patrimonio che non può andare perduto. Quando ricomincia a piovere Dora scappa “al recupero delle casse”, facendoci di colpo ricordare che la vigna è fatica e che si corre di continuo il rischio di perdere parte della produzione dell’anno.


Abbiamo vinto!!!

Sono tornata a casa solo ieri sera e mi devo ancora rendere conto che abbiamo ricevuto il Primo Premio al Festival Siciliambiente di San Vito Lo Capo! Malgrado l’agitazione del momento, non ho mai smesso di riprendere le fasi salienti della serata, sobbalzando ogni volta che, invece di pronunciare i titoli vincitori dei diversi premi, ne veniva proiettato il trailer. Si è iniziato con la Menzione Speciale da parte della Società Cento Autori, vinta dal documentario Loro della Munnizza, che ha ottenuto più tardi anche il Premio del Pubblico. E poi ecco il trailer del terzo classificato: non vedo apparire Nicoletta Bocca sullo schermo e penso: “No, niente terzo premio…”. Dopo la motivazione è il momento del secondo classificato: “Queste immagini non le conosco; qui c’è una scala, non siamo a Dogliani!”. Viene letta la motivazione, mentre io continuo a riprendere con la mano sempre meno ferma. Non ho molte speranze. A questo punto o la va o la spacca. Quando viene annunciato il trailer del film che ha vinto il Festival, sposto incerta la videocamera a inquadrare lo schermo e vedo apparire “Effetto Notte Planet Image presentano”. Ho rischiato di svenire, se non fosse stato per la reazione compiaciuta del pubblico, quando Nicoletta ha iniziato a parlare: “Quali sono le dieci donne del vino più importanti?”. Hanno riconosciuto la nostra protagonista e hanno approvato la scelta della giuria. L’alternativa a quel punto era scoppiare a piangere (poi ho pensato che forse era una reazione troppo Miss Italia…), oppure andare saltellando per l’irrefrenabile felicità a prendermi il mio premio e ringraziare. Ho passato la videocamera a un gentile signore accanto a me e… Ma perchè non date un’occhiata al video? Così capite cos’ho provato!

La speranza ora è che questo possa essere l’inizio di una serie di premi, ma non poniamo limiti alla provvidenza! Una piccola chicca in chiusura: la sera della proiezione, sopra lo schermo a un certo punto è passata una spettacolare stella cadente. Indovinate un po’ che disiderio ho espresso? Marco, che era rimasto a Roma, stava assistendo a uno spettacolo teatrale all’aperto e anche lui ha visto con la coda dell’occhio una stella cadente. Il desiderio è stato lo stesso. E pare proprio che si sia avverato…


Un altro Festival!

“Buongiorno,
l’organizzazione del SiciliAmbiente Documentary Film Festival è lieta di annunciarLe che il documentario dal titolo SENZA TRUCCO – Le Donne del Vino Naturale  per la regia di Giulia Graglia è stato selezionato come opera in concorso al nostro festival!”.

La mail inizia proprio così. E cosa posso aggiungere io se non che siamo – di nuovo! – felicissimi? Il tema del Festival è sempre ambientale, ma questa volta cambia lo scenario: voliamo a San Vito Lo Capo, fra il 19 e il 24 luglio, sperando di poter avere con noi Arianna Occhipinti e che ci raggiungano anche altri amici produttori naturali, a partire da Nino Barraco, che con il suo Catarratto è stato complice dell’idea iniziale di Senza Trucco. In questi giorni ci stanno arrivando i commenti a caldo dei primi che hanno acquistato il DVD e che finalmente l’hanno ricevuto: non so se le parole entusiaste o addirittura commosse siano dovute al senso di liberazione per la lunga attesa, ma ci rende davvero orgogliosi sapere che chi ci ha sostenuti pre-comprando il documentario sia già alla seconda visione in una settimana…

In più due giorni fa un’amica che vive sul web mi ha avvisata che il trailer è su Repubblica tv. Forse dovrei iniziare a segnalare tutte queste belle notizie con un tono più asettico, meno coinvolto, e probabilmente in futuro lo farò (semper che continuino le occasioni!), anche per evitare di sembrare tracotante… ma oggi sono troppo contenta per trattenermi: Senza Trucco ci sta dando un sacco di soddisfazioni, come potremmo non gioirne?


Sogno o son desto?

Grafica di Carina Wachsmann

E’ proprio questa la copertina! Qualcuno di voi, che ha già assistito alla proiezione di Genova o a quella di Torino, ha avuto modo di vedere “fisicamente” il dvd, ma, siccome inizieremo le spedizioni soltanto lunedì prossimo, appena rientrati a Roma, vogliamo darvi un’anticipazione, così finalmente siete sicuri che Senza Trucco esiste ed è in arrivo…

La soddisfazione che ci hanno dato le prime due visioni pubbliche è stata davvero unica: in entrambi i casi la gente in sala era entusiasta e tutte le persone che ancora non conoscevano i vini naturali hanno fatto un sacco di domande e si sono sperticate in apprezzamenti nei confronti delle nostre quattro protagoniste, della fotografia, del montaggio, del suono, delle musiche, e anche (mirabile dictu) della regia. E ieri Andrea Scanzi ci ha citati sul Fatto Quotidiano accanto a Mondovino, come “documentario di culto”. Ci stiamo godendo queste giornate di gioia, sperando che possano continuare e che ci diano la possibilità di girare altri documentari, magari con alle spalle una produzione che ci finanzi…

A questo punto la prevendita è finita e possiamo iniziare a vendere i dvd direttamente qui dal blog, spedendoli non appena ci vengono ordinati. Il costo, d’ora in poi, sarà di 15 euro + 2 euro di spese di spedizione e ringraziamo davvero con tutto il cuore coloro che ci hanno aiutati con la cifra “sostegno” di 20 , perchè senza di loro il documentario non sarebbe mai uscito. E’ stata una bellissima attestazione di stima e la dimostrazione che, quando viene un’idea originale e si chiede un intervento per una produzione dal basso, a volte i sogni si realizzano.

Grazie davvero. Marco e Giulia


ELIANA NEGRONI

Double passion: jewels and wine | talking about unconventional jewellery and wine experiences

Decrescita Felice Social Network

Il documentario sulle donne del vino naturale

GustoVino

Il documentario sulle donne del vino naturale

armadillo bar | vino-cibo e musica

Il documentario sulle donne del vino naturale

Intravino

Il documentario sulle donne del vino naturale

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Carta Igienica

Riflessioni da bagno nell'Italia che scoppia