Archivi tag: Hotel Columbus

I Clivi tra Colli Orientali del Friuli e Collio

Mario Zanusso ha una visione meno estrema di molti suoi colleghi del mondo dei vini naturali, tanto che credo sia interessante seguire gli interventi delle diverse degustazioni che ho proposto in video in questi giorni fino a chiudere con il suo, una voce un po’ fuori dal coro rispetto alle precedenti. Il motivo per cui è stata organizzata una degustazione con i suoi vini, tuttavia, non dipende dal suo approccio al naturale, ma dal fatto che la sua famiglia ha da qualche decennio due vigne di Friulano, Brazzon e Galea, una situata nel Collio e l’atra nei Colli Orientali del Friuli. Si tratta quindi della stessa varietà e dello stesso produttore: la differenza sta soltanto nella provenienza delle uve e quindi nell’impronta che il terroir ha saputo imprimere nel vino. Abbiamo assaggiato due annate, la 2005 e la 1999, ed era praticamente impossibile fare confusione su cosa si stesse bevendo. Anche soltanto avvcinando il naso al bicchiere ho riconosciuto nei due Galea, il più vecchio e il più recente, una nota scura e suadente, con un potere di richiamo quasi da Circe, che nel Brazzon non c’era. L’uditorio comunque era praticamente diviso a metà fra chi preferisse il Tocai di una zona e chi invece prediligesse l’altra: e poi dicono che l’analisi di un vino è un fatto oggettivo!


Giampiero Bea e il tannino da uve mature

La prima degustazione che ho seguito domenica 19 febbraio a Vini Naturali a Roma è stata quella guidata da Giampiero Bea, che ci ha voluto provare come il tannino riesca a risultare non troppo aggressivo anche in  Sagrantino giovani, purchè le uve siano state raccolte mature. A riprova di questa teoria ha portato ad assaggiare quattro diverse annate, di cui una soltanto già in commercio, il 2005, un vino ricco e deciso, con morbidezze bilanciate dall’essenzialità delle note olfattive e gustative. Io sono rimasta stregata dalla seconda annata più vecchia, il 2007, con un naso sicuramente non adatto a tutti, guizzante e a tratti irriverente, però capace di richiamare più volte all’olfatto e di fare tornare di conseguenza all’assaggio. Il 2009 inizia a lasciare intravedere il Sagrantino che diventerà, mentre il 2011,  è ancora praticamente mosto, in cui tuttavia il tannino riesce a non essere completamente sgraziato, come era nella volontà di Giampiero dimostrarci.


Il Consorzio Simbiosa

Terzo video girato durante Vini Naturali a Roma. Questa volta ben quattro produttori, tutti assieme, a presentare il nuovo Consorzio Simbiosa, un gruppo unito da principi simili  per quanto riguarda la coltivazione della vigna e la vinificazione: Franco Terpin, Vasja Čotar, Valter Mlecnik e Simona Klinec. Ciascuno di loro ha portato anche un vino, a dimostrazione della propria filosofia produttiva e della necessità di perseguire comunque la territorialità, anche nel caso di vitigni non autoctoni. E’ il caso di Mlecnick, che ha fatto assaggiare all’uditorio una bottiglia del suo Chardonnay 2006, da cui emerge fortemente la matrice territoriale del Collio Sloveno. D’altronde anche Franco Terpin sostiene di non riuscier facilmente a fare a meno del suo Pinot Grigio, anche se ormai la tendenza è quella di espiantare i vitigni non indigeni per recuperare le varietà locali. La bottiglia che ci ha portato lui è una Ribolla Gialla 2006, dimostrazione di come la stessa annata, sui due diversi versanti del Collio, abbia diversamente favorito i produttori. Vasja Cotar ha portato con sè una Vitovska 2007, che sbandiera la provenienza carsica con tutta l’energia e la mineralità dei terreni di origine marina. Infine la moglie di Alex Klinc, Simona, ha fatto assaggiare una bottiglia davvero interessante: un Verduzzo 2003 vinificato in secco, che pare che non tutti apprezzino, ma che per il mio gusto era davvero strepitoso. Tre produttori del Collio, italiano e sloveno, e uno proveniente dal Carso: è bello scoprire, attraverso le parole chiare di Franco Terpin e quelle, più difficoltose ma sempre piene di entusiasmo, degli altri, come la voglia di fare vino secondo un grande rigore produttivo votato alla totale naturalità sia in grado di oltrepassare le barriere non regionali, bensì nazionali.


Nino Barraco e i suoi vini del mare

Eccoci alla seconda degustazione guidata da un produttore durante Vini Naturali a Roma 2012. Già il titolo era accattivante e l’incontro non è stato da meno, anche perchè Nino ha un modo schietto di raccontare la sua storia di produttore e non cerca in alcun modo di fare, come dicono a Roma, il “piacione”. I suoi sono “vini del mare” perchè le vigne subiscono tutte, quale più quale meno, l’influenza dello iodio e del salmastro e riescono a conservarne intatti i ricordi anche per anni, come ci è capitato di constatare durante la degustazione. I vini portati erano vecchie annate di Catarratto (2006), di Zibibbo (2006), di Grillo (2004) e di Pingatello (2007). Nino ci ha tenuto a sottolineare come, con il passere del tempo, le sue bottiglie raggiungano un’eleganza e una sintesi perfette. Niente di più vero: ho sentito spesso dire dei vini dell’azienda che sono troppo impegnativi e che non sanno trovare una propria dimensione precisa. E’ solo questione di tempo. Ci siamo resi conto tutti, durante la degustazione di annate passate, che soprattutto i bianchi invecchiando riescono a mettere in mostra aspetti di freschezza e raffinatezza che troppo giovani non permettono di cogliere. Bisogna convincere Nino a farli invecchiare di più i suoi vini… anche perchè riesco ancora a sentire sul palato le note profonde del Catarratto e ad annusare nell’aria la speziatura in evoluzione dello Zibibbo.


Dopo Vini Naturali a Roma

Sono qui che mi cruccio al pensiero di tutto quello che non sono riuscita ad assaggiare. Per quanto sia saltata da un banco all’altro e mi sia intrattenuta con il maggior numero di produttori possibile, stamattina continuano a venirmi in mente i vini che avrei voluto bere e che invece dovrò rimandare alla prossima occasione. Fra tutte le aziende presenti e le persone assiepate per degustare le diverse etichette, effettivamente non è stato facilissimo gestire il tempo. Sono rimasti fuori dal mio elenco Cantine del Castello, Pradarolo, Quarticello e Tenute Dettori, che alcuni amici incontrati nelle sale del Columbus continuavano a caldeggiarmi. Inutile piangere sul latte versato, meglio ricordare quanto assaggiato di buono. Questa volta non mi soffermerò su Zidarich, Carussin e Le Boncie, perchè diventerei davvero ripetitiva, e neppure sulle cantine delle nostre protagoniste, San Fereolo, Foradori e Poderi Sanguineto, perchè anche in questo caso potreste lamentarvi che ormai sono parziale (lasciatemi soltanto dire che Dora fa bene a essere così orgogliosa del Nobile 2009, che è un capolavoro). C’è qualche cantina che non conoscevo ancora e che ho avuto modo di scoprire in questo weekend, fermandomi a lungo a chiacchierare con i produttori. Prima di tutto Ca’ dei Noci, di cui mi hanno entusiasmata sia Querciole (una Spergola in purezza rifermentato in bottiglia), che Riserva dei Fratelli (stesso procedimento del precedente ma con affinamento in bottiglia per 36 mesi). Decisamente interessante anche Sottobosco (rosso rifermentato in bottiglia composto da Lambrusco Grasparossa e Malbo Gentile). Insomma, ieri ero in vena di bollicine, tanto che non c’è voluto molto per convincermi ad andare al banco d’assaggio di Sebastien Bobinet, produttore della Loira autore di due rifermentati in bottiglia strepitosi, uno Chardonnay e un Cabernet Franc, su cui sono tornata più di una volta (caso mai non avessi capito bene il gusto…).

Per non diventare monomaniacale, finalmente ho optato anche per qualche vino fermo e sono andata ad assaggiare il Primitivo dell’azienda Morella. Prima il simpatico produttore mi ha versato un bicchiere di Old Vines (Primitivo in purezza da vigne di 80 anni) del 2008, poi, quando gli ho espresso il mio apprezzamento, ha deciso di farmi assaggiare anche il 2005: in genere il Primitivo non mi fa impazzire, ma una versione simile è talmente elegante ed essenziale che mi ha davvero sbalordita!

In realtà ci sarebbe ancora un’azienda di cui vorrei parlare, ma spero di riuscire ad andare a trovare i produttori nei prossimi giorni e di girare un video dedicato totalmente a loro e all’incredibile vino che producono.

Non lo dico per piaggeria, ma credo che Tiziana anche quest’anno sia riuscita a mettere su una manifestazione ricca e originale, dove, oltre ai nomi storici dei vini naturali, sono state proposte aziende che non tutto il pubblico amante del genere ancora conosce. Da domani fino a venerdì ogni mattina pubblicherò il video di una delle degustazioni guidate dagli stessi produttori, in questa sequenza: Barraco, Simbiosa, Bea e I Clivi.


Vini Naturali a Roma, senza neve!

Questa volta nemmeno un fiocco di neve in vista…  allora siamo pronti per un weekend tutto all’insegna dei vini naturali! L’appuntamento è sempre all’Hotel Columbus e sempre negli stessi orari indicati per lo scorso weekend. Naturalmente tutti quelli che sperano di non incontrarmi hanno fatto male i conti, perchè credo che non verrò via dall’evento se non proprio a fine giornata… Ho in mente di assaggiare praticamente tutto e di gironzolare con la mia videocamera per fare video-degustazioni di tutti i vini che mi sembrano più interessanti, oltre ai video delle degustazioni tenute dagli stessi produttori.

Peccato che non siamo riusciti a ri-organizzare anche la proiezione di Senza Trucco per stasera… la buona notizia è che abbiamo già una nuova data fissata: venerdì 30 marzo, sempre al Piccolo Apollo. Speriamo di riuscire a coinvolgere anche in quel caso Jonathan Nossiter e Nicoletta Bocca.

E poi ci sono un altro paio di belle novità, ma avrò modo di parlarvene nelle prossime settimane, quando tutto sarà ufficializzato.

Allora pronti? Ci vediamo all’Hotel Columbus e, per chi non potrà esserci di persona, lunedì con i video delle degustazioni!


Le Degustazioni di Vini Naturali a Roma

Quest’anno la manifestazione organizzata da Tiziana Gallo, nel weekend dell’11 e del 12 febbraio, non avrà soltanto i banchi d’assaggio, con circa settanta aziende, ma potrà vantare una serie di degustazioni guidate dagli stessi produttori, che presenteranno annate diverse da quelle che tutti possono assaggiare in sala. La scansione sarà di una all’ora, per un totale di 13 incontri in due giorni, con la promessa, per le prossime edizioni, di coinvolgere anche le aziende che quest’anno non hanno trovato spazio, per motivi logistici. Ho letto i titoli delle diverse degustazioni e ho chiesto a Tiziana di raccontarmi esattamente che cosa si andrà ad assaggiare, anche perchè dovrò pure selezionare…mica posso farmele tutte!

SABATO 11 FEBBRAIO

h. 14,30 La solforosa e i vini di Angiolino Maule: verranno aperte, per alcune annate più vecchie, due bottiglie di Pico, una realizzata con l’aggiunta di anidride solforosa e l’altra no, in modo da capire la diversa evoluzione del vino in differenti condizioni di vinificazione.

h. 15,30 Montepulciano d’Abruzzo e Cerasuolo due diverse declinazioni dello stesso vitigno nell’interpretazione dell’azienda PRAESIDIUM: Ottaviano Pasquale farà assaggiare annate più vecchie sia del Montepulciano che del Cerasuolo, mettendo in luce la duttilità di un vitigno che riesce a dare origine a due vini caratteristici e diversamente delineati.

h. 16,30 NINO BARRACO …e i suoi vini del mare: in questo caso Tiziana non ha saputo dirmi molto di più del titolo. Nino ha preferito lasciare a chi parteciperà alla degustazione il privilegio di scoprire quali “vini del mare” ci farà assaggiare. Tenderei a escludere il Nero d’Avola e concentrarmi sui bianchi, ma poi mi vengono in mente i sentori di ostrica e iodio del Pignatello. Lo ammetto: sono curiosa.

h. 17,30 SALVO FOTI presenta il CONSORZIO DEI VIGNERI: Questa degustazione è in controtendenza rispetto alle altre. Salvo Foti infatti non porterà annate vecchie, ma presenterà le anteprime di alcune aziende che fanno parte del Consorzio dei Vigneri.

h. 18,30 COTAR, KLINEC, MLECNIK E TERPIN presentano SIMBIOSA: i quattro produttori fra Italia e Slovenia parlano del loro consorzio, Simbiosa, e portano ciascuno un vino di un’annata vecchia, non presente al banco d’assaggio.

h. 19,30 La fermentazione naturale in bottiglia e il tempo: CAMILLO DONATI, CASA COSTE PIANE, CA’ DEI NOCI. Le tre aziende portano, ciascuna, un’annata vecchia di un vino fermentato in bottiglia. Possiamo fare qualche scommessa… Sur Lie Casa Coste Piane, Lambrusco Camillo Donati. E Ca’ dei Noci? Sottobosco o Querciole? Anche in questo caso sono parecchio curiosa…

DOMENICA 12 FEBBRAIO

h. 12,10 Verticale di Montepulciano di EMIDIO PEPE: Non credo ci sia molto da dire. Teniamoci le parole per la descrizione durante gli assaggi. E fantastichiamo su quali annate ci porteranno.

h. 13,10 I territori di confine: Collio e Carso nei vini di LA CASTELLADA e BENJAMINO ZIDARICH. Un’altra degustazione che temo proprio non potrò perdere. Pare, dico pare, che Beniamino porterà due bottiglie di qualche anno di Vitovska e Terrano, mentre della Castellada assaggeremo Collio e Tocai.

h. 14,10 11 Produttori uniti dall’amicizia,dalla solidarietà e da una visione comune… I DOLOMITICI: qualsiasi cosa io dica di questa degustazione, sono sicuramente di parte, perchè fra i Dolomitici (Liberi Viticoltori Trentini) c’è anche Elisabetta Foradori. Sono 11 viticoltori, uniti “dall’amicizia, dalla solidarietà e da una visione comune” che presentano alcuni campioni dei loro vini non ancora in commercio.

h. 15,10 Il tannino da uve mature nel sagrantino di PAOLO BEA: alcuni assaggi per dimostrare che, quando i vini da Sagrantino, anche se giovani, sono realizzati con uve mature, subiscono meno l’aggressività dei tannini.

h. 16,10 Differenze territoriali tra Colli Orientali del Friuli e Collio nell’espressione di un unico produttore: I CLIVI. L’azienda I Clivi ha la fortuna di avere le vigne sia nel Collio che sui Colli Orientali del Friuli e noi, a nostra volta, avremo la fortuna di paragonare, in questa degustazione, le stesse annate di Tocai realizzate nelle due zone (Brazzon nel Collio e Galea nel COF).

h. 17,10 CIRO PICARIELLO: Verticale di Fiano d’Avellino: di nuovo c’è poco da dire. Chissà quali annate ci regalerà Ciro? Sarà interessante capire come invecchia il suo Fiano, anche se, purtroppo, io non riesco a conservarne mai una bottiglia per più di una settimana in cantina. Quando so di averla, devo aprilra.

h. 18,10 Cannonau vitigno sardo? TENUTE DETTORI: Alessandro Dettori ci porta ad assaggiare tre diversi tipi di Cannonau. Vista l’importanza della territorialità nei suoi vini, direi che la risposta al titolo non sarà difficile da dare…

Niente da fare. Non riesco a risolvermi. Probabilmente dovrò sottopormi al terribile sacrrificio e affrontare tutte e 13 le degustazioni. Lo so, è una vita difficile!

Per info sulle degustazioni: http://www.vininaturaliaroma.com/degustazioni.html


ELIANA NEGRONI

Double passion: jewels and wine | talking about unconventional jewellery and wine experiences

Decrescita Felice Social Network

Il documentario sulle donne del vino naturale

GustoVino

Il documentario sulle donne del vino naturale

armadillo bar | vino-cibo e musica

Il documentario sulle donne del vino naturale

Intravino

Il documentario sulle donne del vino naturale

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Carta Igienica

Riflessioni da bagno nell'Italia che scoppia