Archivi tag: Frappato

Un altro Festival!

“Buongiorno,
l’organizzazione del SiciliAmbiente Documentary Film Festival è lieta di annunciarLe che il documentario dal titolo SENZA TRUCCO – Le Donne del Vino Naturale  per la regia di Giulia Graglia è stato selezionato come opera in concorso al nostro festival!”.

La mail inizia proprio così. E cosa posso aggiungere io se non che siamo – di nuovo! – felicissimi? Il tema del Festival è sempre ambientale, ma questa volta cambia lo scenario: voliamo a San Vito Lo Capo, fra il 19 e il 24 luglio, sperando di poter avere con noi Arianna Occhipinti e che ci raggiungano anche altri amici produttori naturali, a partire da Nino Barraco, che con il suo Catarratto è stato complice dell’idea iniziale di Senza Trucco. In questi giorni ci stanno arrivando i commenti a caldo dei primi che hanno acquistato il DVD e che finalmente l’hanno ricevuto: non so se le parole entusiaste o addirittura commosse siano dovute al senso di liberazione per la lunga attesa, ma ci rende davvero orgogliosi sapere che chi ci ha sostenuti pre-comprando il documentario sia già alla seconda visione in una settimana…

In più due giorni fa un’amica che vive sul web mi ha avvisata che il trailer è su Repubblica tv. Forse dovrei iniziare a segnalare tutte queste belle notizie con un tono più asettico, meno coinvolto, e probabilmente in futuro lo farò (semper che continuino le occasioni!), anche per evitare di sembrare tracotante… ma oggi sono troppo contenta per trattenermi: Senza Trucco ci sta dando un sacco di soddisfazioni, come potremmo non gioirne?


In partenza per Verona!

Domattina presto si parte… Tutto pronto. Speriamo. Il DVD con gli estratti del documentario c’è, la videocamera anche e idem locandine e volantini per sponsorizzare l’evento. E’ la prima uscita pubblica di Senza Trucco e, sì, dobbiamo ammetterlo, siamo emozionati. Ci hanno appena mandato il comunicato stampa, direttamente dalla Fnac di Verona, e noi così lo pubblichiamo, sperando che qualcuno di voi abbia voglia di unirsi a noi e brindare con i vini delle nostre quattro protagoniste!

VENERDì 8 APRILE, ore 18.00

Forum Fnac, via Cappello 34

37121 Verona


 

 

 

Libri – Gusto

 

 

SENZA TRUCCO: LE DONNE DEL VINO

 

 

In concomitanza con la Fiera Vinitaly, Fnac ospita Giulia Graglia e Marco Fiumara, autrice e produttore del documentario Senza Trucco. Giulia Graglia è inoltre autrice del libro Divinando, le stelle nel bicchiere (Romano editori)

 

Quattro donne, quattro stagioni, una vendemmia. Quattro produttrici di vino naturale che lavorano in vigna e lavorando raccontano le loro storie. Ognuna di loro è ripresa in una stagione diversa e in un diverso periodo dei lavori annuali in vigna e in cantina. Sono i momenti migliori per conoscerle da vicino, perché sono spesso da sole, a tu per tu con la campagna, o con giusto i figli e le persone più care a dar loro una mano. Poi, per tutte, viene il momento della vendemmia: le corse in vigna per cogliere i grappoli alla giusta maturazione; il va e vieni dei trattori e dei lavoranti; l’odore dell’uva appena spremuta che già annuncia il mosto e il vino che verrà. Per questo, pur essendo nominalmente un documentario sul vino naturale, Senza Trucco appartiene di diritto al genere del ritratto umano, dove i testimoni e i loro racconti costituiscono il perno principale della narrazione.

 

Al termine dell’incontro verrà offerta una degustazione a cura delle cantine: Sanguineto – San Fereolo – Foradori – Arianna Occhipinti


Per contatti con gli autori e altri materiali stampa:

 

 

Comunicazione Fnac Verona
Via Cappello, 34
37121 Verona

comunicazione.verona@fnac.it
Tel. 045-8063811
Tel. 045-8063887dir
Fax. 045-8063899


Presentazione di Senza Trucco alla Fnac di Verona!

Speravamo che Senza Trucco, una volta uscito, avrebbe riscosso un bel po’ di successo. Ma proprio non ci aspettavamo tutta questa attenzione ancora prima della proiezione in anteprima. Eppure alla Fnac di Verona stavano cercando un progetto sul vino da presentare in occasione del Vinitaly e hanno contattato proprio noi. Così in questi giorni stiamo preparando un DVD con alcuni spezzoni del film (in tutto dodici-tredici minuti) da proiettare durante la presentazione. Alla fine ci sarà un brindisi con i vini delle nostre quattro produttrici e, siccome la fortuna di questo documentario pare non volersi esaurire (incrociamo tutto quello che possiamo!), abbiamo anche trovato uno sponsor per i bicchieri: la Caraiba di Verona.

Poi ci siamo detti: ma perchè non presentare anche Divinando, già che ci siamo? E così alla Fnac non solo sarà possibile preacquistare il DVD di  Senza Trucco, ma si potrà anche comprare direttamente Divinando. Insomma, più di così, proprio in occasione del Vinitaly, non avremmo potuto sperare!

L’appuntamento è per venerdì 8 aprile alle ore 18 alla Fnac, in via Cappello 34. Inutile dire quanto ci farebbe piacere che interveniste numerosi… soprattutto coloro che ci hanno già comprato il DVD e che vorremmo conoscere di persona!


Trovare l’acqua per fare il vino

Quando siamo stati da Arianna Occhipinti, lo scorso luglio, le temperature erano altissime e le barbatelle di Frappato e Nero d’Avola iniziavano a soffrire la siccità. Arianna non ricorre all’irrigazione e aspetta il martedì mattina perchè il camion-cisterna del consorzio locale le riempia il pozzo consentendole di annaffiare le vigne giovani. In estate la Sicilia ha sete e l’approvvigionamento d’acqua per le colture è l’argomento più dibattuto fra gli agricoltori della zona. Ne abbiamo avuto la prova un giorno, mentre seguivamo Arianna con la nostra telecamera, e abbiamo incontrato un contadino che aveva da poco iniziato una coltivazione di pomodoro ciliegino in serra.

Ecco il video della chiacchierata fra i due, una di quelle scene che non fanno parte del montato finale del documentario per questioni di spazio, ma che sarebbe un peccato non potere mostrare, sia per la bellezza della fotografia del nostro Tarek che per lo spaccato di Sicilia che viene proposto.


Il bianco di Arianna

Chi l’avrebbe mai detto di arrivare a Vittoria da Arianna Occhipinti e assaggiare, come primo vino, un bianco? Era da tempo che la nostra amica produttrice pensava a un blend particolare, ottenuto dall’unione di Albanello e Zibibbo: il primo un vitigno autoctono, il secondo meglio conosciuto e diffuso come Moscato d’Alessandria. Il risultato ottenuto dalla fermentzione delle due vigne separate e dall’unione successiva è un bianco incisivo, dalla freschezza che si prolunga su tratti floreali, fruttati e vegetali, con i caratteri rigorosi dell’Albanello che vengono in parte dissacrati dalle note più frivole dello Zibibbo. L’assaggio chiama immediatamente quello successivo, con serissimi problemi a lasciare il bicchiere vuoto, soprattutto quando di fronte, in tavola, c’è un piatto della mitica “pasta dell’architetto”, ricetta originale di casa Occhipinti.

Qui di seguito una passeggiata con Arianna nella vigna dello Zibibbo.


Fra Nero d’Avola e Frappato: Arianna Occhipinti

L’ultima protagonista del nostro documentario è Arianna Occhipinti, la più giovane produttrice del panorama naturale, un carattere focoso e generoso, per cui non puoi fare a meno di affezionarti a lei. Tutto nell’azienda è sotto il controllo di Arianna, che si muove instancabile fra vigna e cantina, prepara le spedizioni e carica da sola il camion in partenza per l’estero… Quando si ferma e ti invita ad assaggiare i suoi vini, accompagnati da formaggi e olive, ti rendi conto che non ha nemmeno trent’anni e, dietro il suo sorriso aperto, si scorgono tutti i sogni della sua età.

Ecco lo spezzone di riprese girate a Vittoria a luglio.


ELIANA NEGRONI

Double passion: jewels and wine | talking about unconventional jewellery and wine experiences

Decrescita Felice Social Network

Il documentario sulle donne del vino naturale

GustoVino

Il documentario sulle donne del vino naturale

armadillo bar | vino-cibo e musica

Il documentario sulle donne del vino naturale

Intravino

Il documentario sulle donne del vino naturale

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Carta Igienica

Riflessioni da bagno nell'Italia che scoppia