Archivi tag: festival cinemambiente

Scorie in libertà

Molti di voi, instancabili lettori di questo blog, sono venuti a conoscenza del marchio  in quanto casa di produzione di Senza Trucco. In realtà l’Associazione culturale vanta una lunga storia, visto che è stata fondata da Marco assieme a un gruppo di amici di Latina che da anni lavorano nel documentario. Fra questi, il più noto nel mondo del cinema è Gianfranco Pannone, regista di documentari culto nell’Italia dell’ultimo ventennio, di cui molti realizzati proprio sotto la produzione Effetto Notte e alcuni scritti con lo stesso Marco. Famosissima la sua trilogia sul sogno americano in Italia: Piccola America, Lettere dall’America e L’America a Roma (realizzata fra il 1991 e il 1998) e il ritratto della città dove è cresciuto, che ha descritto nel film Latina Littoria (2001), vincitore del Torino Film Festival. Nel 2008 ha realizzato Il Sol dell’Avvenire, un documentario che racconta l’incontro fra alcuni ex brigatisti rossi e che ha suscitato numerosi dibattiti e polemiche (fra cui quella – che io ritengo particolarmente lusinghiera – con l’ex ministro della cultura Sandro Bondi). Nel 2010 esce  Ma che storia, un affascinante e divertente film di montaggio dedicato al 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia, realizzato con materiale di repertorio e prodotto dall’Istituto Luce.

L’ultima tappa della carriera, di cui ho omesso voci importanti per non dilungarmi troppo, è di questi giorni. Infatti, il nuovo film di Pannone, Scorie in libertà (qui il trailer), è stato l’unico documentario italiano selezionato per il concorso internazionale documentari al Festival Cinemambiente 2012 (lo stesso del debutto di Senza Trucco lo scorso anno…).Il sottotitolo del film è L’incredibile storia del nucleare in Italia, anche se sofferma la sua attenzione soprattutto sulla centrale di Borgo Sabotino, vicino a Latina, aperta nel 1964 (quando aveva il più potente reattore d’Europa) e chiusa alla fine del 1986, in seguito al referendum con cui il popolo italiano rifiutò, per la prima volta, l’utilizzo del nucleare in questo paese. Quando Gianfranco e Marco hanno iniziato a lavorare sul progetto, un paio d’anni fa, si era nel pieno di una nuova ondata di proposte governative per il ritorno all’energia dell’atomo. Gianfranco, che nei suoi documentari mantiene sempre una forte matrice personale, concentrandosi sull’esperienza individuale e tornando spesso a racconare dei luoghi in cui è cresciuto, ha deciso di indagare lo stato d’animo dei cittadini di Latina, che da cinquant’anni convivono con l’ingombrante mole della centrale affacciata sul mare, una specie di reperto archeologico di cui non si sa bene quanto effettivamente sia stato messo in sicurezza dopo la chiusura.

Devo essere sincera: dopo il nuovo rifiuto del nucleare con i referendum dello scorso giugno, ho pensato che ormai un documentario su quest’argomento non avesse più un’urgenza immediata. Invece, vedendo il film Scorie in Libertà, proprio in virtù della sua visione sineddotica del nucleare in Italia, mi sono resa conto che questo tipo di problematica nel nostro paese non sarà mai superato, visto che le decisioni vengono prese dall’alto e calate sulla gente che, inizialmente, si guarda attorno perplessa, poi finisce per abituarsi a tutto. Per questo è interessante vedere il documentario di Pannone: non si ha mai l’impressione di scontrarsi contro tematiche universali che hanno bisogno di conferenze e convegni per essere affrontate. Quello che emerge è la quotidianità di una piccola provincia del Lazio alle prese con il dilemma etico e politico del confronto fra vecchio e nuovo, ambientalismo e progresso. Come se qui, nel Sud dell’Europa, non fossero mai arrivati i venti nordici delle energie alternative come unica vera soluzione per il futuro.

Senza Trucco è nato sotto un marchio importante, che richiama soprattutto i documentari di un grande regista. Spesso mi domando se io mi meriti davvero di presentarmi sotto la stessa produzione di Gianfranco Pannone. Poi penso che gli ultimi due film prodotti da Effetto Notte, Senza Trucco e Scorie in libertà, guardano, anche se in modo diverso, al territorio e all’importanza della tutela dell’ambiente nel nostro paese. Probabilmente non è un caso.

 


Dopo la Prima

Eccoci in partenza da Torino e, ora che siamo riusciti a riassorbire le emozioni delle due serata d’inizio, forse riusciamo anche a essere più lucidi! La proiezione di giovedì è stato un momento davvero indimenticabile: i biglietti erano esauriti già alle 5 del pomeriggio e la sala era stracolma. Un sacco di amici, parenti, blogger, compagni di scuola ed ex allievi… C’era una rappresentanza per tutte le fasi della mia vita. Già quello sarebbe bastato per rendere la serata unica. E poi la proiezione, perfetta (come non sempre accade nei festival), con una vera e propria ovazione alla fine. Delle nostre produttrici c’era in terza fila Nicoletta, emozionata come noi, con Pietro accanto. Quando siamo usciti dal cinema, ci sentivamo un po’ come dopo il matrimonio: una fila interminabile di persone che venivano ad abbracciarci e a complimentarsi. E, finalmente, abbiamo potuto consegnare a mano i primi Dvd!
Qui potete vedere il video con l’intervento di Marco prima della proiezione e il mio, alla fine del film.

E poi, la sera dopo al Bordò, con Chiara e Francesca Bordonaro che hanno preparato una festa stupenda proprio per Senza Trucco. Anche loro sono tutte donne nel locale e ci è sembrato il posto perfetto per brindare con i vini delle nostre quattro protagoniste. Avevamo un mare di bottiglie e non ci siamo certo risparmiati; così, bicchiere dopo bicchiere, anche tutti gli amici che non conoscevano i vini naturali si sono innamorati dell’SP68 di Arianna Occhipinti, del San Fereolo, del Rosso e del Nobile di Montepulciano di Sanguineto e del Teroldego di Elisabetta Foradori. Avevamo anche i vini di altre due produttrici naturali, per completare la serata: la Favorita di Ca’ ed Balos e la Barbera di Carussin.
Torino ci ha regalato un’esperienza indimenticabile e stamattina partiamo un po’ a malincuore. Ora ci aspetta un doppio appuntamento in settimana a Genova, ma di questo vi parlerò domani…


Senza Trucco parte per Torino!

Finalmente è arrivato il gran momento: ancora un paio di giorni, milleduecento preparativi e il recupero dei tanti sospirati DVD, che pare dobbiamo andare a prendere direttamente alla fonte, vicino all’Aquila, la sera prima di metterci in viaggio, perchè non fanno in tempo a spedirceli… Non è stato facile, si è anche allagata la Siae di Roma e sembrava che non ci dessero in tempo i bollini e, invece, contro ogni sorte avversa, partiamo! Saremo a Torino giovedì 2 giugno nel primo pomeriggio, pronti a dedicarci due giorni di festeggiamenti per Senza Trucco!

Iniziamo con giovedì sera: la proiezione al Festival Cinemambiente sarà, contrariamente a quanto già comunicato, alle 22.15 (e non 22.30) nella Sala 3 del Cinema Massimo di Torino (via Verdi, 18). L’ingresso è gratuito, ma magari è meglio arrivare un po’ prima, perchè la sala ha una capienza di 147 posti e prevediamo che ci siano un bel po’ di persone! Alla fine del film sarà possibile acquistare una copia del Dvd nell’androne del cinema.

La sera successiva, venerdì 3 giugno, alle 20.00 ci sarà invece una festa tutta dedicata a Senza Trucco presso l’Enoteca Bordò, in via Palazzo di Città, 19. Il costo per la cena a buffet e l’assaggio dei vini delle quattro protagoniste del documentario (oltre alla bottiglie di altre due donne del vino naturale, Bruna Ferro di Carussin e Renata Bonacina di Ca’ ed Balos) è di 25 euro. Qui a fianco la locandina dell’evento.

Torino è la mia città e festeggiare qui il battesimo ufficiale di Senza Trucco è davvero un regalo del destino: per questo motivo vorrei che ci fosse il numero maggiore di amici a brindare con noi! Non sappiamo ancora quali sbocchi avrà il nostro documentario, anche se le premesse lasciano davvero ben sperare (sul canale youtube del Festival Cinemambiente il trailer di senza trucco è fra i più visualizzati!), ma sappiamo che dietro c’è il lavoro di un anno e mezzo e lo sforzo di tante persone. L’appoggio di tutti quelli che ci sostengono a distanza parte con noi verso il Piemonte. Grazie a tutti!


ELIANA NEGRONI

Double passion: jewels and wine | talking about unconventional jewellery and wine experiences

Decrescita Felice Social Network

Il documentario sulle donne del vino naturale

GustoVino

Il documentario sulle donne del vino naturale

armadillo bar | vino-cibo e musica

Il documentario sulle donne del vino naturale

Intravino

Il documentario sulle donne del vino naturale

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Carta Igienica

Riflessioni da bagno nell'Italia che scoppia