Archivi tag: Effetto Notte

Natale a 5000

Prima pagina Bioecogeo

No, non stiamo andando in alta montagna. 5000 è il numero appena raggiunto di visualizzazioni del trailer di Senza Trucco. Pensavamo a uno slancio iniziale dovuto alla novità e poi ci aspettavamo una graduale diminuzione. E invece ogni giorno c’è sempre qualcuno in più che si collega alla nostra pagina youtube. La cosa divertente è che ogni tanto si concentrano visualizzazioni da paesi inimmaginabili: qualche tempo fa, per esempio, ci sono stati 50 contatti dal Giappone in un giorno solo, poi il Sud America e persino dalla Libia qualcuno ha visto il trailer. Le vendite continuano e, per quanto siamo ancora piuttosto distanti dal raggiungimento del pareggio, se va avanti così prima o poi rappresenteremo un esempio raro di produzione indipendente che non chiude in perdita… Certo, stiamo ancora aspettando di avere la fatidica risposta per una pubblicazione home video, ma sono convinta che in un lontano futuro riuscirete a trovare il dvd anche in qualche piccola libreria. Intanto stiamo cercando di organizzare una prima a Roma per l’inizio di febbraio. Insomma, le cose vanno piuttosto benino e volevamo farvi sapere che chiudiamo felici e soddisfatti l’anno!

Incollo qui di seguito alcuni dei commenti al film che ci sono arrivati in questi mesi e che ci hanno permesso di non perdere mai la fiducia, anche quando gli scogli da sormontare sembravano davvero alti:

“Ieri sera mi sono concessa una serata solo per me e mi sono guardata il tuo video. Mi ha toccato il cuore! Sono quattro grandi donne, con una carica umana esemplare, purtroppo cosi’ rara, pur nella loro diversita’. E tu sei stata molto brava a renderla. Deve essere stata un’esperienza, prima che lavorativa, di vita. Monica”

“Ho appena finito di vedere il vostro DVD. Coinvolgente come un film d’azione, emozionante e commovente. Fa davvero vibrare a chi ama davvero il vino. Queste cose fanno bene al vino. Gianfranco”

“Più lo guardo e più mi emoziona. Siete stati grandi davvero. Fabio”

“Vorrei  dirvi che è bellissimo e così ricco e denso di vita e bellezza da suscitare  pensieri, riflessioni, moti di sorpresa e di gioia che sembrano moltiplicarsi ad ogni nuova visione – perchè si guarda e si riguarda-. Le scelte di sceneggiatura e lo stile asciutto ed elegante del porgere la materia del racconto  mi sono molto piaciuti, insieme, al tratto discreto con cui ti sei avvicinata alle protagoniste. Tante altre cose vorrei dirti,  per ora ti ringrazio per questo bellissimo regalo. Anna”

Con questi interventi non vogliamo sembrarvi autocelebrativi, ma il nostro è  un modo per ringraziarvi del sostegno che non ci è mai mancato da quando, il 6 dicembre 2010, il blog è stato aperto. Buon Natale a tutti, soprattutto alle nostre quattro amiche, Dora, Nicoletta, Elisabetta e Arianna, che hanno trovato il modo di cambiarci la vita.


Considerazioni su un weekend speciale

Foto di Alberto Rossi (Vino-Bio)

Tornati a Roma ieri sera. Distrutti ma felici. Venerdì a Rieti Senza Trucco è stato proiettato in occasione di un seminario organizzato per i delegati dei Circoli Arci provenienti da tutta Italia e riuniti in città per discutere di tematiche ambientali. Non ci era mai successo… sono partiti ben tre applausi durante i titoli di coda e la serata è continuata con la degustazione delle bottiglie delle nostre quattro protagoniste. Siccome non era un pubblico esperto di vino, abbiamo chiesto al centinaio di persone presenti di avvicinarsi al banco e di dirci il nome della produttrice che avevano preferito nel film. Morale della favola: tutti hanno assaggiato tutto e tornavano più volte per capire meglio e vini e avere ancora modo di chiacchierare del documentario. La cosa che ci ha colpiti di più è stato un gruppo di ragazzi sui vent’anni, pieni di vita e voglia di conoscere il vino, che sono rimasti a godersi le nostre storie (e noi le loro) fino a tarda notte.

La due giorni a Faenza per Enologica è stata un’altra esperienza da cui torniamo arricchiti. Sabato pomeriggio Alessandro Bocchetti di Scatti di Gusto ha introdotto prima la proizione di due espisodi di Senza Trucco e poi il dibattito con me e Marco moderato da Guido Tampieri, un politico sui generis,   Sottosegretario al Ministero delle Politiche Agricole nel Governo Prodi, un uomo di immensa cultura letteraria che ha dato una lettura del nostro ducumentario approfondita e intelligente, a tratti sconosciuta anche a noi. E poi una serie di interventi, incontri con produttori eno e gastronomici dell’Emilia Romagna, chicchiere con amici ormai consolidati, in mezzo a una folla giovane, che assaggiava e discorreva di quanto di volta in volta aveva nel bicchiere o nel piatto. Vi propongo qui di seguito due brevi interviste, la prima a Giorgio Melandri, curatore per l’Emilia Romagna della Guida dei Vini del Gambero Rosso e organizzatore di Enologica, e la seconda a Federico Orsi, produttore di vini biodinamici, che ha sperimentato un sistema per distribuire il proprio vino sfuso al Mercato della Terra di Bologna (ogni sabato mattina), evitando così un inutile spreco di bottiglie di vetro.

Ora siamo fermi a Roma per una decina di giorni, poi si riparte: prima Trento e poi Bologna. Ma avrò modo di aggiornarvi!


Bochaert e Sua Altitudine

Stamattina stavo per mettere mano a un pezzo su un produttore di un’isola sarda, quando ho aperto facebook e ho scoperto che Nicoletta Bocca in nottata ha postato le sue impressioni sulla vendemmia. Con tutta la buona volontà, chi non fa il vino non sarà mai in grado di parlarne in termini simili e così ho deciso di lasciare la parola a lei e di pubblicare le sue parole.

“Ad un certo punto della vendemmia arrivano serate come questa in cui, quando tutto il lavoro è finito, i rimontaggi fatti, mastelli, secchi e pompe sciacquate, decidi di rimanere lì, di fermarti in cantina per goderti la soddisfazione dell’annata che ti sei portato a casa. Gli altri se ne vanno e dopo un po’ quello che credevi fosse silenzio si riempie di un brusio profondo e sacrale. E’ la fermentazione. Ogni vasca dice la sua e non serve più nemmeno metterci l’orecchio contro. E come un grande e stupefacente suono che si espande ovunque, spingendo sulla volta della cantina. E’ la forza della vita che trasforma, che ti sembra di non poter percepire preso nelle tue inutili cose e che invece procede inarrestabile. E’ un momento che dura pochi giorni, quello della pienezza di questo suono, in cui capisci che, che tu ci sia o non ci sia, tutto continua e continuerà per sempre. Ma invece di darti tristezza o senso di vuoto, questa cosa ti rassicura, perchè capisci che in questo giro della vita eterna devi esserci dentro per forza anche tu in qualche modo. Allora torni a casa, perché il pensiero dell’eternità ti ha fatto venire appetito, ti cucini cinese come puoi con i pesci eccelsi del siciliano, e ti apri una bottiglia di Heimbourg di Zind Humbrecht del 1998. In fondo te lo meriti: tu, il concerto per lieviti zuccheri e carbonica, l’annata in cantina, le persone a cui stai pensando e a cui stai perdonando tutto, e che stanno, sfuocate, anche loro in questa beatitudine”.

E siccome ormai il timbro di questo post è intimista, vi regalo una chicca, una delle parti più belle del girato a San Fereolo: Nicoletta che ci racconta la sua doppia natura, di Capitano Bochaert e Sua Altitudine.


Si riparte!

In tutti i sensi. Nemmeno il tempo di rientrare e già nel pomeriggio si risale in macchina per andare a Chiavari. Per domani, venerdì 16, la FIDAPA (Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari) Sezione Tigullio ha infatti organizzato una serata tutta per noi, una specie di festeggiamento per i due premi ricevuti durante l’estate, al Festival Siciliambiente per il documentario e al bancarel’Vino per il libro. L’appuntamento è alle 20.30 nel Parco di Villa Rocca: prima ci sarà la proiezione di Senza Trucco, poi la presentazione di Divinando e, a partire da questa, una “degustazione astrologica”, durante la quale si cercheranno di scoprire i punti in comune fra i segni zodiacali delle persone del pubblico e le etichette proposte. I banchi d’assaggio li ha organizzati Paolo Cogorno, l’ideatore della manifestazione Vino…Naturalmente…Vino!!! che ha coinvolto, oltre alle sommelier donne della FISAR Tigullio-Cinque Terre, ben cinque produttori, che parteciperanno alla serata portando i loro vini. La vera sorpresa è che fra di loro ci sarà Nicoletta Bocca, la nostra protagonista, che ci fa un regalo ogni volta che ci onora della sua presenza. Poi si potranno assaggiare la Favorita e il Moscato di Ca’ ed Balos, i vini dell’Azienda Quarticello, quelli di Ca’ Richeta e il Vermentino Ponte di Toi di Stefano Legnani. Io e Marco naturalmente saremo lì. Che bello, forse siamo fra le poche persone contente che l’estate stia finendo…


Dora e il Colorino

Dopo tanto tempo mi è tornata voglia di riguardare qualche immagine del girato, di quelle che non sono state montate nel documentario finito. Ho iniziato dalla vendemmia e mi sono imbattuta in un momento in cui Dora, malgrado le corse contro la pioggia che tempestava in quei giorni il vigneto, ha trovato il tempo per fermarsi a chiacchierare un po’ con noi e parlarci della piccolissima percentuale di Colorino presente nel suo Nobile. Come sempre quello che emerge è una volontà instancabile di conservare tutto quello che arriva dal passato e dalla tradizione: anche se il Colorino incide in minima parte sul vino, tuttavia i due filari che lo contengono hanno 80 anni di storia e vanno preservati, perchè fanno parte di un patrimonio che non può andare perduto. Quando ricomincia a piovere Dora scappa “al recupero delle casse”, facendoci di colpo ricordare che la vigna è fatica e che si corre di continuo il rischio di perdere parte della produzione dell’anno.


Abbiamo vinto!!!

Sono tornata a casa solo ieri sera e mi devo ancora rendere conto che abbiamo ricevuto il Primo Premio al Festival Siciliambiente di San Vito Lo Capo! Malgrado l’agitazione del momento, non ho mai smesso di riprendere le fasi salienti della serata, sobbalzando ogni volta che, invece di pronunciare i titoli vincitori dei diversi premi, ne veniva proiettato il trailer. Si è iniziato con la Menzione Speciale da parte della Società Cento Autori, vinta dal documentario Loro della Munnizza, che ha ottenuto più tardi anche il Premio del Pubblico. E poi ecco il trailer del terzo classificato: non vedo apparire Nicoletta Bocca sullo schermo e penso: “No, niente terzo premio…”. Dopo la motivazione è il momento del secondo classificato: “Queste immagini non le conosco; qui c’è una scala, non siamo a Dogliani!”. Viene letta la motivazione, mentre io continuo a riprendere con la mano sempre meno ferma. Non ho molte speranze. A questo punto o la va o la spacca. Quando viene annunciato il trailer del film che ha vinto il Festival, sposto incerta la videocamera a inquadrare lo schermo e vedo apparire “Effetto Notte Planet Image presentano”. Ho rischiato di svenire, se non fosse stato per la reazione compiaciuta del pubblico, quando Nicoletta ha iniziato a parlare: “Quali sono le dieci donne del vino più importanti?”. Hanno riconosciuto la nostra protagonista e hanno approvato la scelta della giuria. L’alternativa a quel punto era scoppiare a piangere (poi ho pensato che forse era una reazione troppo Miss Italia…), oppure andare saltellando per l’irrefrenabile felicità a prendermi il mio premio e ringraziare. Ho passato la videocamera a un gentile signore accanto a me e… Ma perchè non date un’occhiata al video? Così capite cos’ho provato!

La speranza ora è che questo possa essere l’inizio di una serie di premi, ma non poniamo limiti alla provvidenza! Una piccola chicca in chiusura: la sera della proiezione, sopra lo schermo a un certo punto è passata una spettacolare stella cadente. Indovinate un po’ che disiderio ho espresso? Marco, che era rimasto a Roma, stava assistendo a uno spettacolo teatrale all’aperto e anche lui ha visto con la coda dell’occhio una stella cadente. Il desiderio è stato lo stesso. E pare proprio che si sia avverato…


Sulla strada per Roma

Dopo le proiezioni di Torino e Genova, la terza tappa di Senza Trucco è vicino a Roma, nell’Enoteca di un caro amico. Le prime due occasioni sono state ufficiali e molto impegnative, anche se fonte di grandissime soddisfazioni. Ora, con la canicola che sembra non voler abbandonare questo mese di luglio, abbiamo deciso di dedicarci una serata in un locale a cui siamo molto affezionati, L’Enoteca Aimi di Morlupo, a pochi kilometri a nord di Roma. Avevamo deciso di non fare proiezioni in nessun locale ancora per qualche mese, ma come si fa a dire di no a Ettore? Appena ha visto il documentario ha deciso che doveva organizzare un appuntamento Senza Trucco nella sua Enoteca, con una degustazione dei vini delle nostre quattro protagoniste subito dopo la visione. E a guidare l’assaggio sarà Miriam Bruera, la sommelier che avete già visto qualche volta su questo blog, da qualche giorno ufficilamente nello staff dell’Enoteca Aimi. Prima la proiezione, poi la degustazione del Frappato di Arianna Occhipinti, del San Fereolo di Nicoletta Bocca, del Teroldego di Elisabetta Foradori e del Nobile di Montepulciano di Dora Forsoni. Insomma… Senza Trucco al completo, anche perchè questa volta ci saremo sia io che Marco. Se volete venire, fate una telefonata a Ettore (0690190200): i posti sono 20 e occorre prenotare!

L’appuntamento è quindi per venerdì 15 luglio, alle ore 21 nell’Enoteca Aimi, via San Pellegrino 8, Morlupo, Roma (http://www.facebook.com/EnotecaAimi?ref=ts). Costo della serata: 10 euro.


ELIANA NEGRONI

Double passion: jewels and wine | talking about unconventional jewellery and wine experiences

Decrescita Felice Social Network

Il documentario sulle donne del vino naturale

GustoVino

Il documentario sulle donne del vino naturale

armadillo bar | vino-cibo e musica

Il documentario sulle donne del vino naturale

Intravino

Il documentario sulle donne del vino naturale

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Carta Igienica

Riflessioni da bagno nell'Italia che scoppia