Archivi tag: Dolcetto di Dogliani

Un fine settimana fitto di proiezioni

Non fa in tempo a finire questa lunga e calda estate che Senza Trucco è di nuovo sulla strada. Questo fine settimana gli eventi, pur lontani geograficamente, si accavallano e si concentrano fra le giornate di venerdì e sabato.

Iniziamo dal KINOOKUS FOOD FILM FESTIVAL di Ston (Dubrovnik, Croazia), dal 5 al 9 di settembre, dove siamo l’unico film italiano nel bel programma del Concorso Internazionale Documentari: http://www.kinookus.com.hr/english/filmovi.php Qui le proiezioni di Senza Trucco sono fissate per venerdì 7 alle 20.30 e sabato 8 alle 10.00 del mattino.

E se sabato inizia bene, sotto il sole della Croazia, non potrebbe finire meglio con addirittura due proiezioni praticamente alla stessa ora. A Romagnano Sesia alle 21.00 va in scena un ghiotto anticipo del prossimo CORTO & FIENO – FESTIVAL DI CINEMA RURALE cui parteciperemo quest’anno con Il Re del Mosto: http://www.cortoefieno.it/anteprima-corto-e-fieno-a-romagnano-sesia/29,%28News%29.html

Parecchi chilometri più a Sud, a Guardea in provincia di Terni, saremo invece ospiti di un evento collaterale del The Village DOC Festival di Milano. Alle 20,30 sempre di sabato 8, gli spettatori dello STAND ALONE AWARD potranno godersi la proiezione di Senza Trucco in una cornice assolutamente bucolica, circondati dagli alberi e seduti su balle di paglia. http://www.thevillagedocfestival.com/it/itinerari/guardea-itinerari.html


Bochaert e Sua Altitudine

Stamattina stavo per mettere mano a un pezzo su un produttore di un’isola sarda, quando ho aperto facebook e ho scoperto che Nicoletta Bocca in nottata ha postato le sue impressioni sulla vendemmia. Con tutta la buona volontà, chi non fa il vino non sarà mai in grado di parlarne in termini simili e così ho deciso di lasciare la parola a lei e di pubblicare le sue parole.

“Ad un certo punto della vendemmia arrivano serate come questa in cui, quando tutto il lavoro è finito, i rimontaggi fatti, mastelli, secchi e pompe sciacquate, decidi di rimanere lì, di fermarti in cantina per goderti la soddisfazione dell’annata che ti sei portato a casa. Gli altri se ne vanno e dopo un po’ quello che credevi fosse silenzio si riempie di un brusio profondo e sacrale. E’ la fermentazione. Ogni vasca dice la sua e non serve più nemmeno metterci l’orecchio contro. E come un grande e stupefacente suono che si espande ovunque, spingendo sulla volta della cantina. E’ la forza della vita che trasforma, che ti sembra di non poter percepire preso nelle tue inutili cose e che invece procede inarrestabile. E’ un momento che dura pochi giorni, quello della pienezza di questo suono, in cui capisci che, che tu ci sia o non ci sia, tutto continua e continuerà per sempre. Ma invece di darti tristezza o senso di vuoto, questa cosa ti rassicura, perchè capisci che in questo giro della vita eterna devi esserci dentro per forza anche tu in qualche modo. Allora torni a casa, perché il pensiero dell’eternità ti ha fatto venire appetito, ti cucini cinese come puoi con i pesci eccelsi del siciliano, e ti apri una bottiglia di Heimbourg di Zind Humbrecht del 1998. In fondo te lo meriti: tu, il concerto per lieviti zuccheri e carbonica, l’annata in cantina, le persone a cui stai pensando e a cui stai perdonando tutto, e che stanno, sfuocate, anche loro in questa beatitudine”.

E siccome ormai il timbro di questo post è intimista, vi regalo una chicca, una delle parti più belle del girato a San Fereolo: Nicoletta che ci racconta la sua doppia natura, di Capitano Bochaert e Sua Altitudine.


In partenza per Verona!

Domattina presto si parte… Tutto pronto. Speriamo. Il DVD con gli estratti del documentario c’è, la videocamera anche e idem locandine e volantini per sponsorizzare l’evento. E’ la prima uscita pubblica di Senza Trucco e, sì, dobbiamo ammetterlo, siamo emozionati. Ci hanno appena mandato il comunicato stampa, direttamente dalla Fnac di Verona, e noi così lo pubblichiamo, sperando che qualcuno di voi abbia voglia di unirsi a noi e brindare con i vini delle nostre quattro protagoniste!

VENERDì 8 APRILE, ore 18.00

Forum Fnac, via Cappello 34

37121 Verona


 

 

 

Libri – Gusto

 

 

SENZA TRUCCO: LE DONNE DEL VINO

 

 

In concomitanza con la Fiera Vinitaly, Fnac ospita Giulia Graglia e Marco Fiumara, autrice e produttore del documentario Senza Trucco. Giulia Graglia è inoltre autrice del libro Divinando, le stelle nel bicchiere (Romano editori)

 

Quattro donne, quattro stagioni, una vendemmia. Quattro produttrici di vino naturale che lavorano in vigna e lavorando raccontano le loro storie. Ognuna di loro è ripresa in una stagione diversa e in un diverso periodo dei lavori annuali in vigna e in cantina. Sono i momenti migliori per conoscerle da vicino, perché sono spesso da sole, a tu per tu con la campagna, o con giusto i figli e le persone più care a dar loro una mano. Poi, per tutte, viene il momento della vendemmia: le corse in vigna per cogliere i grappoli alla giusta maturazione; il va e vieni dei trattori e dei lavoranti; l’odore dell’uva appena spremuta che già annuncia il mosto e il vino che verrà. Per questo, pur essendo nominalmente un documentario sul vino naturale, Senza Trucco appartiene di diritto al genere del ritratto umano, dove i testimoni e i loro racconti costituiscono il perno principale della narrazione.

 

Al termine dell’incontro verrà offerta una degustazione a cura delle cantine: Sanguineto – San Fereolo – Foradori – Arianna Occhipinti


Per contatti con gli autori e altri materiali stampa:

 

 

Comunicazione Fnac Verona
Via Cappello, 34
37121 Verona

comunicazione.verona@fnac.it
Tel. 045-8063811
Tel. 045-8063887dir
Fax. 045-8063899


Presentazione di Senza Trucco alla Fnac di Verona!

Speravamo che Senza Trucco, una volta uscito, avrebbe riscosso un bel po’ di successo. Ma proprio non ci aspettavamo tutta questa attenzione ancora prima della proiezione in anteprima. Eppure alla Fnac di Verona stavano cercando un progetto sul vino da presentare in occasione del Vinitaly e hanno contattato proprio noi. Così in questi giorni stiamo preparando un DVD con alcuni spezzoni del film (in tutto dodici-tredici minuti) da proiettare durante la presentazione. Alla fine ci sarà un brindisi con i vini delle nostre quattro produttrici e, siccome la fortuna di questo documentario pare non volersi esaurire (incrociamo tutto quello che possiamo!), abbiamo anche trovato uno sponsor per i bicchieri: la Caraiba di Verona.

Poi ci siamo detti: ma perchè non presentare anche Divinando, già che ci siamo? E così alla Fnac non solo sarà possibile preacquistare il DVD di  Senza Trucco, ma si potrà anche comprare direttamente Divinando. Insomma, più di così, proprio in occasione del Vinitaly, non avremmo potuto sperare!

L’appuntamento è per venerdì 8 aprile alle ore 18 alla Fnac, in via Cappello 34. Inutile dire quanto ci farebbe piacere che interveniste numerosi… soprattutto coloro che ci hanno già comprato il DVD e che vorremmo conoscere di persona!


Il mondo attorno a Nicoletta

Qualche mese fa, subito dopo le riprese in vendemmia, Nicoletta Bocca mi ha nuovamente invitata a Dogliani per una tre giorni dedicata al Dolcetto e, in quel caso ho girato un video pubblicato poi su Intravino.

Quello che è emerso da quell’incontro è un territorio denso di tradizione e un vino troppo spesso considerato un gregario: il Dolcetto ha avuto la sfortuna di nascere in una regione che vanta un vitigno blasonato come il Nebbiolo e, da sempre, deve sgomitare per ritagliarsi una piccola parentesi d’attenzione. San Fereolo, come le altre aziende della zona, combatte da anni contro pregiudizi e curatori di guide poco consapevoli e sta cercando di far conoscere al mondo dei bevitori la vera storia di un’uva cocciuta e desiderosa di invecchiare. In occasione di quell’escursione piemontese ho girato anche il video di una riunione carbonara fra produttori di Dogliani, in cui la questione di base era proprio quella appena riportata: “Come si può far capire che il Doletto ha caratteristiche di valore e non può essere considerato, soprattutto economicamente, alla stregua di vitigni da taglio?”.


Tre annate di Dolcetto

Ho chiesto a Nicoletta Bocca quale sia l’annata del suo Dolcetto che preferisce e lei, dopo aver avvicinato il naso al bicchiere di San Fereolo 2005 che aveva in mano, ha semplicemente sorriso. Poi mi ha raccontanto perchè è orgogliosa di tutte le sue bottiglie e non potrebbe mai stabilire una gerarchia: ogni annata ha le sue caratteristiche, diverse ma non per forza di cose migliori o peggiori. In questo video la produttrice di Dogliani ci racconta tre annate, la 2004, la 2005 e la 2006 e sfido chiunque a capire quale sia quella che lei ama di più.

Come sempre, ormai, quello che vi proponiamo sul blog non è stato montato nel film definitivo, ma sarebbe stato un vero peccato tenere per noi scene come questa.


Musiche e musicanti

Dopo un musicista siciliano-americano ora è la volta di un siciliano purosangue come Mario Incudine. Mario ci ha regalato tre pezzi strumentali per il documentario, la stralunata e divertente Tarantella della pioggia a commentare il lavoro di Arianna Occhipinti in cantina e, per i titoli di coda, due versioni della stessa melodia arrangiate in maniera completamente diversa: notturno e malinconico  Il portiere visionario, esuberante e di impronta quasi balcanica Cous Cous.

Ma come definire Mario? La sua musica è folk, è mediterranea o è ‘world music’? Forse la definizione più calzante è quella di musicista popolare, non tanto per il legame evidente con la tradizione, ma piuttosto perché Mario è ‘musicante’ capace di farsi apprezzare  in tutta Italia, di parlare con la gente, di entusiasmare il pubblico sia sulle piazze di paese che nei teatri.

Non lo ringrazieremo mai abbastanza per la sua disponibilità e per i suoi splendidi brani. Quello che possiamo fare, per ora, è dedicargli questo post e invitarvi a vederlo alle prese con una versione tutta in siciliano di Bocca di rosa (o meglio Vuccuzza di Ciuri). Buona visione.

PS Potete ascoltare altri brani di Mario sulla sua pagina di mySpace. Provate con Salina o con Strati

http://www.myspace.com/marioincudine


ELIANA NEGRONI

Double passion: jewels and wine | talking about unconventional jewellery and wine experiences

Decrescita Felice Social Network

Il documentario sulle donne del vino naturale

GustoVino

Il documentario sulle donne del vino naturale

armadillo bar | vino-cibo e musica

Il documentario sulle donne del vino naturale

Intravino

Il documentario sulle donne del vino naturale

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Carta Igienica

Riflessioni da bagno nell'Italia che scoppia