Un brindisi per Teo

Questo blog non è mai stato così a lungo senza essere aggiornato e anche in questo momento mi chiedo dove ho trovato il tempo per sedermi davanti al pc. I tanti amici con cui sono in contatto telefonico o virtuale sa quale uragano sia entrato nella vita mia e di Marco, uno di quegli uragani pieni di vortici, in cui all’inizio si ha l’impressione di essere spazzati via, ma poi ci si rende conto che l’effetto finale è quello di una portentosa dinamizzazione. Sono due settimane che Teo è con noi e devo dire che non ha fatto un ingresso in sordina: con i suoi 4,620 kg ha deciso di stravolgere tutti i nostri piani di parto completamente naturale e di venire al mondo con tanto di grancassa. Un vero spettacolo della natura, accentratore suo malgrado, un magnete per l’attenzione di tutti, soprattutto per la nostra, che stiamo ancora cercando di capire cosa abbiamo fatto di così bello per meritarci una sorpresa simile…

Io in realtà mi sto ancora leccando le ferite e sto cercando di smaltire tutti i bombardamenti farmaceutici a cui mi hanno sottoposta: probabilmente sono a buon punto, perchè sono tornata a scrivere su Senza Trucco, dove per definizione la chimica è bandita.

Dopo sette mesi di astinenza, mi sono anche riavvicinata al vino e l’ho fatto con una bottiglia speciale, aperta per festeggiare l’arrivo di Teo: un Barolo Riserva 1964 di Borgogno, un regalo che un vecchio generale, reduce di El Alamein, anni fa aveva fatto a mio padre. Temevamo un po’ per lo stato del vino e invece la bottiglia si è rivelata al pieno delle sue possibilità, con una trasparenza cristallina, una lontanta unghia aranciata e una serie di sorprese al naso ma soprattutto in bocca. Le note olfattive che si rincorrevano con veemenza lasciavano trasparire fra i sentori terziari più consolidati anche qualche sprazzo più vibrante, come piccoli frutti rossi e terra umida, mentra in bocca sovrastava su tutto una freschezza davvero inattesa, che riusciva a esaltare ulteriormente un corpo essenziale, diretto, spogliato dal tempo di ogni virtuosismo. Un ricordo lungo lungo lungo dopo la deglutizione… quello che ci vuole per brindare a una nuova vita.

Spero mi scuserete se nel prossimo periodo non sarò costante come prima con i post, ma questo piccolo uragano, con tutti i suoi vortici e il suo bisogno di attenzione, ha bisogno di un po’ di tempo per abituarsi a noi…


6 responses to “Un brindisi per Teo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

ELIANA NEGRONI

Double passion: jewels and wine | talking about unconventional jewellery and wine experiences

Decrescita Felice Social Network

Il documentario sulle donne del vino naturale

GustoVino

Il documentario sulle donne del vino naturale

armadillo bar | vino-cibo e musica

Il documentario sulle donne del vino naturale

Intravino

Il documentario sulle donne del vino naturale

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Carta Igienica

Riflessioni da bagno nell'Italia che scoppia

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: