Voglio Vivere Così

Durante le riprese di “Voglio Vivere Così” in Calabria

Come vi accennavo la settimana scorsa, ho realizzato un documentario per conto del Ministero delle Politiche agricole forestali e alimentari, all’interno del progetto “Nuovi fattori di successo”. In poche parole, è stato bandito un concorso per giovani agricoltori le cui aziende rispondessero a una serie di requisiti, come rendimento globale, innovazione, impatto sull’attrattività del territorio,  sensibilità mostrata nei confronti dell’ambiente, tutela e valorizzazione delle risorse umane impiegate e grado di innovazione organizzativa, commerciale e comunicativa. Parallelamente l’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) ha organizzato una selezione di giovani registi per scegliere tre vincitori che avrebbero raccontato per immagini le prime tre aziende agricole classificate. Io ho avuto al fortuna di realizzare un documentario sull’Azienda Agricola Le Conche, di Bisignano, in provincia di Cosenza. Il proprietario, Vincenzo Sposato, è un ragazzo di nemmeno trent’anni che ha preso in mano l’azienda di famiglia e produce un meraviglioso olio biologico, oltre ad allevare il Suino nero di Calabria, una razza autoctona che era in via d’estinzione e ora, grazie all’intervento di alcuni produttori locali, si sta riproducendo velocemente. Dicevo che ho avuto la fortuna di essere abbinata all’Azienda che si è classificata prima perché tutto, nella sua produzione, rientra in una filosofia con cui mi sento assolutamente in sintonia: l’assenza totale di prodotti di sintesi nella coltivazione degli ulivi, l’autosufficienza energetica grazie all’istallazione di pannelli fotovoltaici, un sistema di irrigazione sotterraneo che permette di risparmiare fino al 50% di acqua, il pascolo dei suini neri allo stato brado per tenere puliti i boschi e arginare il pericolo degli incendi e la costruzione di un laghetto artificiale per permettere agli elicotteri locali di rifornirsi d’acqua durante gli incendi in zona. Inoltre tutti i prodotti di scarto della lavorazione delle olive vengono riutilizzati: la parte legnosa va ad alimentare le caldaie che producono acqua calda per lavare le attrezzature del frantoio, mentre la sansa finisce in vasche scavate nel terreno, viene fatta compostare e diventa un potente concime naturale.

Capite perchè ho chiamato questo documentario Voglio Vivere Così? Dopo tre giorni di riprese in un ambiente simile, tornare in città è stato davvero molto difficile… Qui di seguito il video, con le riprese e il montaggio realizzati da Aldo Pontecorvo, che gli amici di Senza Trucco e Il Re del Mosto hanno imparato a conoscere!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

ELIANA NEGRONI

Double passion: jewels and wine | talking about unconventional jewellery and wine experiences

Decrescita Felice Social Network

Il documentario sulle donne del vino naturale

GustoVino

Il documentario sulle donne del vino naturale

armadillo bar | vino-cibo e musica

Il documentario sulle donne del vino naturale

Intravino

Il documentario sulle donne del vino naturale

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Carta Igienica

Riflessioni da bagno nell'Italia che scoppia

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: